#8 Amore a prima vista: Non c'è niente che non va, almeno credo - M. Dawson

Rubrica settimanale ideata da me in cui vi presenterò le copertine che mi hanno
conquistato al primo sguardo.



Presentazione del libro:
Titolo: Non c'è niente che non va, almeno credo
Autore: Maddie Dawson
Editore: Giunti
Formato: rilegato

Sinossi
E sabato mattina e Rosie e Jonathan sono a letto in un momento di intimità, quando il telefono inizia a squillare senza tregua. Sul display compare un numero sconosciuto. Ancora non sanno che quella telefonata di per sé insignificante manderà all'aria tutta la loro vita. Più che quarantenni, Rosie e Jonathan sono gli unici fra i loro amici a non aver messo su famiglia e a vivere da eterni fidanzati in un quadrilocale che sembra arredato da due studenti. Impossibile immaginare che a pochi giorni da quel sabato Jonathan si inginocchierà davanti a Rosie chiedendole di sposarlo e seguirlo in California! La prima a storcere il naso di fronte all'improvvisa proposta è l'energica nonna Soapie: sognatrice, anticonformista, irriverente, Soapie ha sempre spronato Rosie a osare nella vita, a coltivare le sue passioni e seguire i suoi desideri. Per questo non capisce cosa spinga la nipote sull'altra sponda dell'oceano, dietro a un ragazzotto con la passione per le tazzine di porcellana. Ma il destino è sempre pronto a stuzzicarci e quando Rosie sarà messa di fronte a un'altra scelta cruciale, dovrà per forza decidere quale partita giocare. Perché la grande regola della vita è che non è mai troppo tardi per correggere il tiro e la felicità è sempre più vicina di quanto immaginiamo. Basta ricordarselo.

Cosa mi ha colpito?
Lo confesso: appena ho visto questo libro ho saputo all'istante che doveva essere mio, senza se e senza ma. Anche se la trama avesse parlato di un elefante rosa che sogna di diventare un equilibrista, io l'avrei acquistato. Perché? Ma per quel tenero panda di spalle, seduto sulla panchina di un parco deserto, che sembra aver capito tutto della vita. La ragazza in rosso gli siede accanto, e l'impressione è che lui sia l'unica compagnia di cui in quel momento abbia bisogno. 
Mio marito ride spesso di come, e quanto, io mi faccia condizionare da dettagli apparentemente insignificanti...del resto è un non-lettore, non può comprendere fino in fondo le mie manie. Ma come si fa a resistere ad una cover del genere? 

Impressioni post-lettura
E' tra le mie prossime letture, vi aggiornerò. Intanto mi guardo il panda, e sorrido.


E voi cosa ne pensate di questa cover?

Commenti

  1. Il godere delle cose semplici, come un pomeriggio immersi nella natura: una panchina, un libro e un amico.

    RispondiElimina
  2. mi ispira molto molto dalla trama, ma anche il panda ha il suo perchè

    RispondiElimina
  3. Deve essere carino...aspetto un tuo commento perché io ormai non mi fido più delle copertine..

    RispondiElimina
  4. Guarda il destino come è strano: la scorsa settimana eravamo in libreria io e Laura. Ho rotto le scatole alla libraia Daniela per un quarto d'ora perché volevo proprio questi libro ma non ricordavo il titolo. E adesso tu pubblichi una rubrica con questa cover? Già,non siamo mica diventate amiche per caso!!! Comunque l'ho ordinato è presto li leggerò!!

    RispondiElimina
  5. Guarda il destino come è strano: la scorsa settimana eravamo in libreria io e Laura. Ho rotto le scatole alla libraia Daniela per un quarto d'ora perché volevo proprio questi libro ma non ricordavo il titolo. E adesso tu pubblichi una rubrica con questa cover? Già,non siamo mica diventate amiche per caso!!! Comunque l'ho ordinato è presto li leggerò!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Diventa lettore fisso
del blog.

Post più popolari