#4

Appuntamento bisettimanale in cui vi aggiornerò sulle mie new entry.


Buongiorno lettori,
di seguito troverete i nuovi arrivati nella mia libreria!

Il cuore è idiota
Davy Rothbart
Baldini&Castoldi

Davy Rothbart cerca l’amore in tutti i posti sbagliati. Di continuo. In pratica si innamora perdutamente di ogni bella ragazza che incontra, ma è raro che sia ricambiato. Spesso e volentieri salta in macchina e sfreccia per mezza America con il cuore in mano e immancabilmente se ne viene fuori con idee e imprese stravaganti, che alla fine riesce sempre a realizzare. Be’, quasi sempre. Ma anche quando le cose non vanno come dovrebbero, Rothbart trova un senso e un motivo d’ironia in ogni situazione.
Un libro che mi incuriosisce perché credo parli dell'amore in modo diverso dal solito, con umorismo e con un tocco di ironia.



Un gatto, un cappello e un nastro
Joanne Harris
Garzanti

Che cosa porteresti con te su un'isola deserta? L'autrice di Chocolat non ha dubbi: un gatto, un cappello e un nastro. Tre oggetti in apparenza comuni che all'occorrenza sono in grado di far scaturire una miriade di immagini e di storie. Perché raccontare per Joanne Harris è un modo di affrontare la vita e le sue sfide: niente è impossibile per l'immaginazione, e se riusciamo a immaginare ci sarà sempre un finale inaspettato per ogni giorno della nostra vita. 
I racconti di Joanne Harris raccolti in Un gatto, un cappello e un nastro sono legati tra loro come scatole cinesi: basta aprirne una per scoprirne infinite altre, nascoste a una prima occhiata e per questo ancora più preziose. Storie popolate da personaggi profondamente umani, alle prese con difficoltà come il dolore di un lutto o lo svanire di un desiderio da tempo inseguito.
Un libro in cui d'impatto mi ha colpito la copertina e in un secondo momento mi ha affascinato questa frase: Un gatto per tenermi compagnia. Un cappello per nascondermi. Un nastro per legare un sogno. 

La bottega dei sogni smarriti
Beth Hoffman
Piemme

Ogni mattina Theodora Overman apre i battenti del suo negozietto di antichità nel cuore di Charleston, una deliziosa bottega dove raccoglie oggetti appartenuti ad altri tempi e altre vite, tazzine di porcellana magari un po' sbreccate, sedie impero con una gamba più corta delle altre e tanti altri pezzi parecchio unici. Oggetti bizzarri e buffi almeno quanto la colorata clientela che frequenta la sua bottega ma, soprattutto, oggetti che hanno bisogno di essere amati di nuovo, di essere coccolati e "aggiustati". Proprio come il cuore di Teddi... Perché Teddi, da quando è venuta a Charleston lasciandosi la famiglia e il passato alle spalle, sa che, nella sua vita quasi compiuta, c'è un sogno non ancora realizzato, qualcosa che manca. Come le tazze di porcellana cui si è rotto un pezzetto, a Teddi manca un tassello: suo fratello Josh.
Una storia che mi ha colpito per il suo fascino vintage e per la centralità del legame tra fratelli.

Le cose che sai di me
Clara Sanchéz
Garzanti

Il piccolo pezzo di cielo che si intravede dal finestrino è di un azzurro intenso. Patricia è sull'aereo che la sta riportando a casa, a Madrid. All'improvviso la sconosciuta che le è seduta accanto le dice una cosa che la sconvolge: "Qualcuno vuole la tua morte". Patricia è colpita da quella rivelazione, ma poi ripensa alla sua vita e si tranquillizza: a ventisei anni è realizzata, felicemente sposata e con un lavoro che la porta a girare il mondo. Niente può turbare la sua serenità. E sicura che quella donna, che dice di riconoscere le vibrazioni emanate dalle persone, si sbaglia. Eppure a Patricia, tornata alla routine di sempre, iniziano a succedere banali imprevisti che giorno dopo giorno si trasformano in piccoli incidenti. Incidenti che stravolgono le sue abitudini e il suo lavoro. Non può fare a meno di ripensare alla donna dell'aereo e alle sue parole. Parole che a poco a poco minano le sue certezze. Vuole sapere se è davvero in pericolo. Vuole scoprire chi desidera farle del male, e quando il sospetto cresce dentro di lei, inizia a guardarsi intorno con occhi diversi, dubitando delle persone che ha vicino. Sente che tutto il suo mondo sta crollando pezzo dopo pezzo, ma deve trovare il coraggio di resistere: la minaccia è più vicina di quanto immaginasse. Però deve essere pronta a mettere in discussione tutta la sua vita, a leggere dentro sé stessa. Perché anche la felicità ha le sue ombre...
Una trama che mi ha conquistato al primo sguardo, sono impaziente di entrare nella vita di Patricia e immergermi in questo mistero...

Voglio vivere una volta sola
Francesco Carofiglio
Piemme

La vita di Violette è uguale a quella di tante bambine. Due fratelli, Jean e Augustin, una madre premurosa, un padre completamente assorbito dal lavoro. Un cane, Javert, conosciuto per caso e amato all'istante. E tante case: la prima a Roma, poi a Parigi, infine a Plouzané, in Bretagna, a pochi metri dal mare, il posto migliore per curare le ferite dei sogni non realizzati. Le giornate di Violette corrono leggere, come quelle di tanti bambini, tra passeggiate, chiacchiere, giochi e letture. Le notti sono diverse. Perché Violette non dorme, cammina al buio, i piedi scalzi, l'abito celeste. Riempie le ore contando i libri dei genitori, tremilaottocentosettantotto per l'esattezza, sistema tutti i ricordi nel "ricordario", per non perderli più. E ogni giorno guarda il mondo e lo vede cambiare, le persone vanno a una velocità differente, crescono, invecchiano, spariscono. Invece lei rimane sempre la stessa, le stesse mani, lo stesso viso. Perché Violette è la bambina che non c'è. Non è mai nata, è il desiderio perfetto di tutti loro, mamma, papà, Jean e Augustin. Eppure vive, ride, corre, esiste, almeno fino a quando qualcuno continuerà a pensarla. Sul confine magico che divide la realtà dal sogno, Violette ci racconta il suo mondo con una leggerezza allegra e malinconica, raccogliendo gli attimi, le emozioni e i gesti che nessuno riuscirebbe mai a immaginare.
Leggere questa trama mi ha fatto venire i brividi, ho subito deciso che volevo conoscere Violette.

Ciò che inferno non è
Alessandro D'avenia
Mondadori


Federico ha diciassette anni e il cuore pieno di domande alle quali la vita non ha ancora risposto. La scuola è finita, l'estate gli si apre davanti come la sua città abbagliante e misteriosa, Palermo. Mentre si prepara a partire per una vacanza-studio a Oxford, Federico incontra "3P", il prof di religione: lo chiamano così perché il suo nome è Padre Pino Puglisi, e lui non se la prende, sorride. 3P lancia al ragazzo l'invito a dargli una mano con i bambini del suo quartiere, prima della partenza. Quando Federico attraversa il passaggio a livello che separa Brancaccio dal resto della città, ancora non sa che in quel preciso istante comincia la sua nuova vita. La sera torna a casa senza bici, con il labbro spaccato e la sensazione di avere scoperto una realtà totalmente estranea eppure che lo riguarda da vicino. E l'intrico dei vicoli controllati da uomini che portano soprannomi come il Cacciatore, 'u Turco, Madre Natura, per i quali il solo comandamento da rispettare è quello dettato da Cosa Nostra. Ma sono anche le strade abitate da Francesco, Maria, Dario, Serena, Totò e tanti altri che non rinunciano a sperare in una vita diversa. Con l'emozione del testimone e la potenza dello scrittore, Alessandro D'Avenia narra una lunga estate in cui tutto sembra immobile eppure tutto si sta trasformando, e ridà vita a un uomo straordinario, che in queste pagine dialoga insieme a noi con la sua voce pacata e mai arresa, con quel sorriso che non si spense nemmeno di fronte al suo assassino.
Una storia che ho intenzione di leggere, per scoprire uno scorcio di realtà del 'mio' sud e per conoscere l'esperienza di Francesco, i suoi pensieri, le sue speranze.


E adesso aspetto i vostri pareri su questi titoli! Qualcuno rientra nelle vostre letture? Qualche titolo vi ha incuriosito?

Commenti

  1. Lo sto dicendo ovunque ormai: voglio anche io il nuovo libro della Harris!!! *-*
    Mi incuriosiscono la Sanchez e La bottega dei sogni smarriti! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io adesso sto leggendo la sanchez! poi probabilmente toccherà alla harris *-*

      Elimina
  2. Ma che belli!! Quello di Aòessandro d'avenia mi ispira tantissimo *-* anche Un gatto, un cappello e un nastro mi attira!
    La bottega dei sogni smarriti sembraa molto carino, lo voglio!

    RispondiElimina
  3. Io ho letto solo "Chocolat" della Harris, e mi piacerebbe molto leggere qualche altro suo libro! Questo in particolare ha un titolo che mi ispira molto, mi sa che finirà della mia wishlist xD
    Anche "La bottega dei sogni smarriti" mi attira parecchio! Dammi un libro con dei personaggi pittoreschi e assurdi e sarò tua per sempre xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello della Harris mi aveva già convinto solo per titolo e copertina! In un secondo momento ho pensato di leggere anche la trama ahahha

      Elimina
  4. Quello della Harris è li che mi aspetta non appena riuscirò a terminare "La principessa di ghiaccio". Quello di D'Avenia, proprio grazie alla Libridinosa, lo desidero ardentemente, mi ispira anche "La bottega dei sogni smarriti"
    Bacetti Salvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ora sto leggendo 'La bottega dei sogni smarriti' e sembra proprio carino ^-^

      Elimina
  5. Quello della Harris era già nella mia wishlist mentre tutti gli altri (ad eccezione del primo) mi ispirano molto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Diventa lettore fisso
del blog.

Post più popolari