Recensione 'L'allieva' di Alessia Gazzola

TITOLO: L'allieva
AUTORE: Alessia Gazzola
EDITORE: Tea
PAGINE: 374
GENERE: giallo italiano [discutibile]
PREZZO: 5.00 €
eBOOK ita: 8.99 €

'L'Allieva' è il romanzo di esordio di Alessia Gazzola e vede come protagonista Alice Allevi, giovane specializzanda in medicina legale.
Premetto che il mio giudizio su questo libro è stato condizionato dalle aspettative che nutrivo sulla storia e dalle idee pregresse che mi ero fatta sul genere.
La fascetta posta sul volume recita:
Ha studiato da Key Scarpetta. E' irresistibile come Bridget Jones. Viene dalla terra di Montalbano.
Poi senti parlare di medical thriller e allora non hai dubbi: stai acquistando un giallo.
E invece no. Ed è proprio da questo equivoco che prende piede la delusione che va alimentandosi pagina dopo pagina. La storia infatti è quella tipica di un romanzo rosa: la giovane e imbranata specializzanda in medicina legale che si innamora follemente del bel giornalista tenebroso ma è anche oggetto delle attenzioni un po' ambigue di un suo collega e superiore. Poco più di un triangolo amoroso insomma. Il lavoro di Alice e la sua partecipazione alle indagini per un caso di omicidio non sono altro che uno sfondo, tanto che l'epilogo è prevedibile già a metà libro. Una protagonista che ha quindi poco a che fare con Key Scarpetta e Montalbano, molte di più le analogie con Bridget Jones. Alice è infatti una ragazza imbranata e sbadata, caratteristiche che la rendono sicuramente umana e che a volte strappano un sorriso ma, a mio avviso, spesso incompatibili con la serietà e l'accortezza necessari in una professione come la sua.
Per contro c'è da riconoscere all'autrice una buona caratterizzazione dei personaggi e una piacevole ironia che sottende la narrazione. Lo stile è semplice e la lettura scorrevole, forse, se non mi fossi aspettata qualcosa di completamente diverso, avrei apprezzato maggiormente anche la storia, ma questo errore di fondo mi ha posto in una condizione di attesa rispetto ad una suspense e ad un intreccio che non ho visto concretizzarsi. Dal momento che si tratta di una giovane scrittrice italiana, mi sento comunque di consigliare il libro a chi è alla ricerca di una lettura leggera e senza troppe pretese, soprattutto in merito al genere.

La mia nota curiosa:
L'autrice del libro, Alessia Gazzola, è, come la protagonista dei suoi libri, una specializzanda in medicina legale.

Frase sottolineata:
"Purtroppo sono i dettagli a colpirmi e in genere sono sempre i dettagli a commuovermi."
da PensieriParole <http://www.pensieriparole.it/aforismi/uomini-e-donne/frase-198729?f=a:6960>
VALUTAZIONE

- Sorrisi 
- Lacrime 
- Risate
- Suspense
- Brividi 
- Rabbia

VOTO:
 

Profumosità:

*La scala dei voti va da 1 a 5*

Commenti

  1. Ho letto anche questo e l'impressione è la stessa che hai avuto tu, lo hanno "venduto" per una cosa diversa da quello che è; persino la grafica della copertina manda fuori strada il lettore. A me nel complesso è piaciuto, lettura veloce, scorrevole, da ombrellone, ma più per chi ama i romanzi della kingsella che non per chi ama i gialli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto! Si ha proprio l'impressione che la 'veste gialla' sia stata costruita a tavolino...peccato, probabilmente al di fuori di questa forzatura l'avrei apprezzato molto di più!

      Elimina
  2. E sempre più mi domanda a cosa pensino coloro che scrivono le fascette e, ancor peggio, le sinossi. Ormai si fa prima a sfogliare il libro e leggerne qualche pagina, per essere sicuri di non comprare una cosa per un'altra!

    RispondiElimina
  3. Concordo con il tuo pensiero! Ho trovato questo libro troppo rosa e troppo poco giallo.
    Bello il personaggio principale di Alice ma anche io mi aspettavo un altro tipo di lettura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sento in buona compagnia :) A questo punto penso che la presentazione del libro abbia tratto in inganno molti!

      Elimina
  4. A me sono piaciuti tutti i suoi romanzi ma concordo con voi che sono diversi da come ce li propongono...infatti sono libri scorrevoli, leggeri, da leggere tutto d'un fiato ma devo anche dire che, almeno per me, fanno parte di quei libri che prendo in biblioteca e restituisco, senza sentire il bisogno di possederli :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto Silvia, sono sicuramente dei libri che scivolano...la lettura in sé può risultare anche piacevole e mi dispiace che nel mio caso sia stata rovinata dalle aspettative mal riposte :(

      Elimina
  5. Io ne ho tre, ma non li ho ancora letti. La mia "spacciatrice di libri" mi ha detto che dovevo assolutamente leggerli, ma non ci sono ancora riuscita. Mi manca solo l'ultimo. A questo punto però mi vengono dei dubbi (ovviamente mi aveva detto essere una lettura leggera e veloce). Vorrà dire che me li porterò al mare!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nonostante la delusione io ti consiglio di leggerli! Magari adesso non ti aspetterai un grande intreccio giallo però la storia potrebbe piacerti :)

      Elimina

Posta un commento

Diventa lettore fisso
del blog.

Post più popolari