#71 Top Five: Vacanze da bibliofilo

Cinque elementi appartenenti all'universo libresco.


Buongiorno, lettori! Anche voi in trepidante attesa del weekend? Io conto i minuti. Questa settimana ho letto pochissimo, non più di qualche pagina al giorno, e aspetto domani per rilassarmi un po' e concedermi qualche ora di svago. In compenso sono felice, in questi giorni la mia bimba ha imparato a fare a meno del pannolino e, per una mamma, è una bella conquista. Yuppi! Ma torniamo a noi, dopo qualche settimana di pausa ritorna la Top Five! Complice la calda stagione in arrivo, ecco di cosa parleremo oggi:


Vacanze da bibliofilo




1. Quali libri porto?

Ancor prima di prenotare una vacanza, questo interrogativo esistenziale stringe nella sua morsa la mente del bibliofilo. Come?! Partiamo tra sei mesi?! E io che libri porto?!

2. Tentativo di selezione
Alla fase di smarrimento iniziale segue il tentativo, convinto e ponderato, di selezionare una ristretta rosa di titoli. Fammi pensare, di cosa potrò avere voglia guardando il mare? Di una lettura leggera, sicuramente. No, aspetta, quando mi rilasso in genere mi viene voglia di thriller. E se volessi leggere quel romanzo storico comprato ieri? Il dramma ha inizio.

3. Decidere di portarli tutti
L'epilogo, del tutto imprevedibile, consiste nell'ammassare in valigia tutti i libri papabili, quelli in forse e anche l'eReader chenonsisamai. Risultato: bagaglio da ernia garantita.

4. Leggerne una minima parte
Ovviamente le vacanze durano una settimana, massimo due, non i tre anni necessari a smaltire il quantitativo di libri che hanno accompagnato la trasferta. Il bibliofilo, a quel punto, potrebbe valutare l'eventualità di avere un pelino esagerato. Probabilmente non lo farà.

5. Acquistarne sul posto
E infatti, non contento, giunto nella meta turistica inizierà la caccia. Come un cane da tartufo perlustrerà il centro e le vie secondarie, alla ricerca di un'insegna ben precisa: Libreria. Solo dopo aver trovato l'agognato negozio si concederà una tregua. Respirerà a fondo quel profumo così familiare e si darà allo shopping libresco vacanziero. Perché Vuoi che vada via senza aver comprato nemmeno un libro? Cose da bibliofili.



Cosa ne pensate dei cinque punti di oggi?
Vi ci ritrovate un po'?





Commenti

  1. Ciao Stefania niente di più vero. Anche se ultimamente ho smesso di portarmi in vacanza cartacei riempio il kindle fino a farlo scoppiare, ma la prima cosa che faccio appena arrivo in vacanza e la ricerca frenetica della libreria e non mi sento tranquilla sinchè non ne trovo una ;D ahahahahahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahhaha farò leggere il tuo commento a mio marito, così la smetterà di considerarmi (l'unica) pazza xD

      Elimina
  2. Ciaoo! questi sono dubbi che abbiamo tutti credo! Io tra l'altro le mie vacanze le passo sempre in montagna e là non esiste una liberia bensì edicole che hanno qualche libro quindi una volta su ho solo il mio zaino pieno di libri!!!! Quindi quest'anno mi son fatta regalare il kindle dal fidanzato così lo riempio ben bene e risparmio una zaino nei bagagli! XD
    Fede

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bravo il fidanzato! :D probabilmente temeva di dover gestire una crisi di astinenza da libri, mio marito ci si è trovato in mezzo e non è affatto piacevole xD

      Elimina
  3. Presente in ogni punto!
    Io non farò molte vacanze, tranne qualche giorno ad agosto in Francia. Riserverò una piccola valigia ai libri della mia tbr e tutto il resto li comprerò sul posto alla fnac... sperando che abbiano una sezione in inglese. Non mi azzardo a leggere il francese, non ancora almeno XD

    RispondiElimina
  4. Stupendo, il tuo blog è sempre più bello cara Stefania e questa rubrica è strepitosa, vivace, ironica. Un' idea semplice dal quale tu trai mille e altri mille spunti, infinita e sempre accattivante e divertente.
    Non finirò mai di farti i complimenti cara Stefania. BRAVA BRAVA e ancora BRAVA
    Ovviamente io i 5 punti li ho tutti. Soprattutto l'ultimo. Mi piace comprare un libro in villeggiatura e poi tenerlo in libreria a ricordarmi i giorni spensierati vissuti con lui al seguito. C'è chi compra i souvenir, io compro un libro.
    Un abbraccio a te e alla tua piccolina, che sta diventando grande e autonoma e anche se questa del pannolino è una piccola e nuova conquista. Ciao
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e tu sei sempre tanto cara, Laura <3
      non riesco ad immaginare un souvenir più bello! Grazie di cuore un abbraccio anche a te a l tuo ometto!

      Elimina
  5. Ormai è una tradizione: in valigia prima il Kobo, strapieno, poi il resto. La ricerca della libreria è organizzata già prima della partenza: località nuova ma vecchie sane abitudini. Ai miei libri, io, non rinuncio. Un caro saluto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. brava, aquila, sei previdente! :) un abbraccio e buon we!

      Elimina
  6. Bellissima Top Five! *.*
    Mi ritrovo assolutamente in tutti i cinque i punti! ;)
    Ogni volta che vado in vacanza mi pongo sempre l'obiettivo di portare un solo libro, magari quello che sto leggendo, ma poi iniziano i dubbi come: "ma se finisco il libro, non avrò più niente da leggere!" con la conseguente aggiunta di un libro in valigia... Una volta arrivata a destinazione, poi, non ho quasi mai il tempo di leggere e una settimana non è poi così lunga, così mi ritrovo a ritornare a casa con tutti i libri intatti compreso quello che avevo già iniziato! ;)
    Buona serata!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie, Ele <3
      ahhaha è un classico, allora! un grande abbraccio e grazie per essere sempre presente :*

      Elimina
  7. Sembrerà strano ma quando parto per una vacanza non porto libri con me, però quando sta per arrivare l'estate inizio a pensare ai libri perfetti la stagione.
    Perché ogni libro ha la sua giusta cornice U_U

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uuhh e non leggi in vacanza? per me le due cose quasi coincidono xD
      riguardo i libri "estivi" sono assolutamente d'accordo, anch'io lo faccio :D baci

      Elimina
  8. Ciao! Mi rivedo in ogni punto, non riesco mai a decidere cosa portare con me, temo sempre di lasciare qualche volume a casa che poi voglio leggere >.<

    RispondiElimina
  9. Top 5 simpatica e interessante! :)
    Anch'io non ho mai optato per i semplici soprammobili come souvenirs delle vacanze, ma in qualunque posto vada compro sempre un libro di cucina...vale lo stesso? :P Una volta tornata a casa sperimento i piatti tipici che hanno caratterizzato la vacanza :P Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo che vale :D e mi sembra una bellissima idea per noi che amiamo pasticciare in cucina!
      un grande abbraccio <3

      Elimina
  10. Eccomi tornata dal mare con l'ernia provocata dalla valigia piena di libri che non ho letto...solo due, ma ho passato momenti favolosi e sono felice! Giuro non ne ho comprato nemmeno uno e non ho sentito il richiamo della libreria, ero troppo impegnata a fare altro, ma ho già deciso che recupero qui, dove la mia libreria di fiducia è CASA ;-)

    RispondiElimina
  11. ihihih mi ci ritrovo ma alla fine porto solo più il kindle, me lo sono posto come regola anche perchè ho sempre millemila libri caricati. Ma la ricerca della bancarella di libri rimane sempre

    RispondiElimina
  12. Mi sono piaciute queste parole, nelle quali mi sono riconosciuta molto:
    "Andrà tutto bene finchè avrò libri e sogni".

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari

Diventa lettore fisso
del blog.