BlogTour Ross Poldark Tappa #2 - La moda dell'epoca



Buongiorno, lettori!
Oggi sono felice di ospitare la seconda tappa del blog tour dedicato ad un'attesissima uscita targata Sonzogno: Ross Poldark di Winston Graham, la saga storica ambientata in Cornovaglia che ha conquistato intere generazioni di lettori e venduto milioni di copie in tutto il mondo.
Dal 5 maggio in libreria.

Sinossi
Cornovaglia, 1783. Ross Poldark, figlio di un piccolo possidente morto da poco, torna a casa, esausto e provato, dopo aver combattuto per l’esercito inglese nella Rivoluzione americana. Ora è un uomo maturo, non più l’avventato ed estroverso ragazzo che aveva dovuto abbandonare l’Inghilterra per problemi con la legge. Desidera soltanto lasciarsi il passato alle spalle e riabbracciare la sua promessa sposa, la bella Elizabeth. La sera stessa del suo arrivo, però, scopre che, anche a causa di voci che lo davano per morto, la donna sta per convolare a nozze con un altro uomo. Non solo: Nampara, la casa avita, si trova in uno stato di abbandono, cui ha contribuito anche una coppia di vecchi servi, fedeli ma ubriaconi. Devastato dalla perdita del suo grande amore, Ross decide di rimettere in sesto Nampara e di concentrarsi sugli affari che il padre ha lasciato andare a rotoli, tornando a coltivare le terre e lanciandosi nell’apertura di una nuova miniera. Viene aiutato dall’affezionata cugina Verity, dai due servi e da Demelza, una rozza ma vivace ragazzina che ha salvato da un pestaggio e che, impietosito, ha preso a lavorare con sé come sguattera. Nella terra ventosa di Cornovaglia – aspra quanto la vita dei suoi minatori, percorsa dai fremiti di nuove sette religiose e affl itta da contrasti sociali – si intrecciano i destini dei membri della famiglia Poldark, primo fra tutti il forte e affascinante Ross, ma anche della gentile Verity, di Elizabeth, tormentata da segrete preoccupazioni, e di Demelza che, diventata una bellissima donna, è determinata a conquistare il cuore dell’uomo che le ha cambiato la vita.


Calendario BlogTour
Per chi si fosse perso la prima tappa, svoltasi sul blog Liber Arcanus,  non c'è nessun problema, qui è possibile recuperarla, lasciando il vostro commento.
Di seguito tutte le tappe, con i blog partecipanti:
- 26 Aprile Liber Arcanus 
Alla scoperta di Poldark: Presentazione del libro 
- 27 Aprile La ragazza che annusava i libri 
La moda ai tempi di Poldark: Abiti dell'epoca
A spasso con Poldark: Ambientazione
- 29 Aprile La Fenice Book
A pranzo con Poldark: Ricetta tipica della Cornovaglia
- 2 Maggio Il colore dei libri
Poldark dal libro allo schermo: Confronto tra libro e telefilm
- 3 Maggio Bookish Advisor
Quattro chiacchiere con Poldark: Intervista ad Aidan Turner
Poldark - il libro 70 anni dopo: Recensione in anteprima.


Seconda tappa - La moda ai tempi di Poldark

In questa tappa entreremo nell'affascinante atmosfera di questa saga attraverso uno scorcio dedicato alla moda dell'epoca.
La storia di Poldark, ambientata in Inghilterra, ha inizio nel 1783, ma cosa suggeriva la moda dell'epoca?
Nell'ultima metà del secolo lo scettro del buon gusto passa dai francesi agli inglesi. La moda si fa più sobria ed elegante. Soprattutto per gli uomini, questo cambiamento nasce dalla necessità di un abbigliamento che doveva adattarsi ad una vita fatta di traffici, impegni e viaggi frequenti.
Per quanto riguarda gli indumenti maschili, le giacche e i gilet si riducono di lunghezza, il redingote, una giacca attillata e chiusa sul davanti, con lunghe code simili al moderno frac e dal bavero alto, diventa l'indumento simbolo di questo periodo. La redingote è sempre in tinta unita, confezionata in tessuti caldi e non preziosi, abbinata spesso a pantaloni in maglia o pelle di daino infilati negli stivali, che sostituiscono i delicati scarpini col tacco.
Il cappello rimane un accessorio importante. Il tricorno si fa più semplice e meno ornato rispetto al secolo scorso, e si introducono altri modelli: cilindro, cappelli a falda larga, bicorni di varia foggia.
Descrizioni che rispecchiano appieno l'abbigliamento di Poldark.
Anche la moda femminile subisce una sferzata verso la sobrietà. Vengono introdotti alcuni nuovi capi di abbigliamento come i pierrot o caraco, giacchette corte con maniche aderenti e una piccola coda sul retro. Anche la moda britannica prevede un abito elegante, è il a robe a l'anglaise, costituito da un corsetto appuntito sul retro, con ampia scollatura tonda o quadrata e maniche aderenti a tre quarti senza più volant in pizzo. Altro elemento di impronta britannica fu la diffusione del cappello da donna che in Europa soppiantò l'uso della cuffia. Le pettinature si fanno più naturali e meno posticce, con morbide cotonature e grossi boccoli che scendono sulle spalle. Abiti e acconciature che ritroveremo indosso alla bella Elisabeth.


GIVEAWAY - Una copia cartacea in palio!
Come fare ad aggiudicarsi la copia cartacea del libro?
Basta seguire questi semplici passi:

Obbligatorio
- Mettete la vostra email SOLO nel form non nei commenti così che vi contatteremo in caso di vincita.
- Diventare follower dei blog partecipanti.
- Commentare tutte le tappe esprimendo le vostre opinioni in proposito.

Facoltativo
- Mettere MI PIACE alla pagina facebook di Sonzogno e diventarne follower su Twitter
- Condividere l'iniziativa nei vari social.

Clicca sul link sottostante per visualizzare il form:
a Rafflecopter giveaway


Infine vi ricordo che la prossima tappa si svolgerà domani sul blog My Crea Bookish Kingdom.


Adesso aspetto i vostri commenti, lettori!
La storia di Poldark vi incuriosisce?
Che ne pensate della moda dell'epoca?
La trovate affascinante?




Fonte informazioni relative alla moda dal 1750 al 1789 : sito http://www.baroque.it/

Commenti

  1. La moda dell'epoca mi interessa tantissimo, ne sono incredibilmente affascinata e se fosse per me mi ci vestirei tutti i giorni xD Questa tappa è davvero interessante *______*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono felice che questo approfondimento ti sia piaciuto, Angelica :) sono abiti davvero meravigliosi!

      Elimina
  2. Come ribadisco sempre non capisco nulla di moda, ma in questo periodo mi piacciono molto gli abiti maschili. Molto più semplici

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, concordo! fino a qualche decennio prima erano decisamente pomposi, gli uomini con parruccone e scarpetta con il tacco non mi piacevano per nulla xD

      Elimina
  3. Si sta andando verso lo stile Regency e si nota in alcuni capi che poi rimarranno, più che altro nella moda maschile. L'influenza dello stile francese nella moda femminile è ancora vivo ma, e direi per fortuna, si va verso una sobrietà che personalmente trovo assai più elegante e raffinata. Prediligo gli stili che si avranno più avanti (Regency e Vittoriano), ma posso dire che gli abiti maschili mi piacciono molto (e qui direi che Aidan sta veramente da Dio in costume!) mentre quelli femminili.. ecco, sarei orientata più per quelli indossati da Demelza :)
    p.s.: piccola menzione per le uniformi, fighissime sempre e comunque :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anch'io, come te, apprezzo questa nuova sobrietà! e le uniformi...hanno sempre un loro perché! :D

      Elimina
  4. Chi da bambina non sognava abiti e capelli così??? Io di sicuro,anche grazie ai cartoni animati,ovviamente il giorno di Carnevale ne approfittavamo.
    So che amerò questo libro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero, Michela :) anche gli abiti contribuiscono a creare un'atmosfera "da favola"!

      Elimina
  5. Sono affascinata dalla moda del tempo! Concordo sul fatto che lo stile francese sia ancora palpabile, ma il tocco più sobrio e leggero rende, a mio avviso, un abbigliamento più pratico e di maggior gusto!
    Adoro i cappelli, che finalmente hanno sostituito le cuffiette!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esatto, l'influenza inglese regala più eleganza, eliminando qualche fronzolo di troppo ^-^

      Elimina
  6. spesso guardo film ambientati in quelle epoche perchè i vestiti sono davvero straordinari! una cura maniacale, acconciature pompose!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è proprio vero, si prestava grandissima attenzione al confezionamento degli abiti e alla realizzazione delle acconciature :)

      Elimina
  7. La moda dell'epoca era veramente bellissima, adoro già questo romanzo!l'ambientazione è favolosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, le ambientazioni dell'epoca sono davvero suggestive! :)

      Elimina
  8. Tutto questo mi ricorda "Orgoglio e Pregiudizio", quindi sono qui con gli occhi a cuore e già completamente rapita.
    Dal libro, dai personaggi, da tutto - è un po' che non leggo qualcosa ambientato nell'Inghilterra di fine 1700, ma mi sento già emozionata.

    RispondiElimina
  9. Davvero bella questa tappa!gli abiti di quel tempo sono quado fiabeschi..chissà se ci stavano comodi, specialmente le donne!comunque apprezzo molto la sobrietà della moda dell' epoca,rispetto alla sfarzosita' di altri periodi storici.

    RispondiElimina
  10. adoro gli abiti del 700 anche se parecchio scomodi

    RispondiElimina
  11. Sono affascinatissima dallo stile dell'epoca! *-*

    RispondiElimina
  12. La moda di quell'epoca, personalmente, mi affascina sempre molto, anche per il fatto che gli abiti sia femminili che maschili, sono curati in ogni minimo dettaglio.

    RispondiElimina
  13. gli abiti delle epoche scorse mi hanno sempre affascinato

    RispondiElimina
  14. Tappa molto interessante, leggo sempre molto volentieri qualsiasi cosa riguardi la moda dei secoli passati

    RispondiElimina

Posta un commento

Diventa lettore fisso
del blog.

Post più popolari