#14 Riflessioni di un'anima sotto un cielo stellato


Rubrica a cura di una giovane scrittrice che, una volta al mese,
vi farà entrare nel suo mondo di suggestioni, arte e magia.
* Ogni brano presente in questa rubrica è una produzione creativa di Morwen *




Buongiorno, miei cari lettori!
Vi chiedo scusa per il ritardo con cui questo mese mi leggete, ma la vita reale mi trascina con sé in modo più vorticoso di quanto vorrei. Probabilmente per questo, quest’oggi vi porto in un universo lontano e sfumato, limpido e freddo come la Russia, ma passionale come solo il grande Dostoevskij sa essere. Seguitemi in questa suggestione ispirata a Le notti bianche, una perfetta sinfonia di riflessioni così preziose da segnarmi e frasi così cristalline da restarmi nel cuore.



Ho fame. Ho sete. Mi manca il respiro. Tutto il mio corpo annaspa, affanna, in cerca di vita. Mi mancano i sogni e cos’ho se non i sogni? Cosa sono se non materia inconsistente intorno ad un sole pallido d’inverno? San Pietroburgo esige la mia attenzione, mi rimbrotta, mi richiama a sé.  Ma mi terrorizza la realtà, mi spaventa questo mondo caotico di persone con gli occhi sulla strada, di camminatori veloci che scansano agilmente il prossimo camminatore veloce. Io non sono mai abbastanza svelto da scansare i passanti. Sono il tipo distratto che li urta senza accorgersene. Perché, mi chiedete? Perché la mia vita non è reale. Io non vivo, io sogno, sempre immerso in una diversa realtà. Io amo il ricordo, il ricordo di cose che non sono accadute. Ricordo con un sorriso le mie stesse fantasie, ripercorro interi momenti della mia vita che non si sono verificati se non nell’intervallo d’un sogno. Che il buon Dio perdoni la mia anima per la sua dissolutezza! Peccatrice è l’anima che sogna? Lo sapete voi se questo è peccato? Lo sarà sicuramente. Tutto ciò che è bello e sublime, tutto ciò che è egoistica distrazione è peccato. Allora sono il più crudele degli egoisti. 
Ma ora guarda il cielo stellato e non mentirmi, non mentirmi perché una bugia può infrangere il cristallo del mio mondo. Dimmi, dunque, non è forse una notte incantevole, una notte come forse possono essercene soltanto quando siamo giovani?

E voi che rapporto avere con i russi e con Dostoevskij? 
Avete letto questa sua piccola perla?



Commenti

  1. Ciao :) io mi sono approcciata a Dostoevskij soltanto qualche mese fa e ne sono rimasta affascinata, non credevo potesse piacermi e invece lo adoro !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me è stata una splendida sorpresa, ero un po' restia ad accostarmi ai russi e invece Dostoevskij mi ha conquistata! ** Grazie di avermi letta :3

      Elimina
  2. Risposte
    1. Grazie, Veronica! Non è facile per me scrivere qualcosa che possa ricordare i capolavori di Dostoevskij.. Spero di averti lasciato belle sensazioni! A presto :3

      Elimina
  3. Bellissima l'atmosfera ricreata e altrettanto bella è l'immagine rappresentante. I sogni, al centro di queste righe, già nobili di per sé, si elevano da una necessità quasi fisica come la fame e la sete, al distacco da una società racchiusa nel mondo della realtà,  passando per un mondo fantastico al punto da divenire quasi peccaminoso, sino all'apoteosi in uno splendido cielo stellato che costella un mondo che, seppur non reale, resta comunque VITALE, per lui e per noi. Ti ringrazio per averci proposto ancora una volta un tuo scritto d'ispirazione, breve ma efficace come al solito. ‎

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ** è splendido come riesci a comprendere e ad interpretare ciò che scrivo. Grazie ancora ** un abbraccio!

      Elimina
  4. Il mio primo e al momento unico approccio con Dostoevskj è stato "Delitto e castigo". Non posso assolutamente dire che non mi sia piaciuto, però forse mi aspettavo qualcosa di più. Quindi per ora resto una fedele tolstojana. Puoi suggerirmi qualche altro titolo da cui potrei ripartire per apprezzarlo di più?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosa! Grazie per avermi letto :) Io ti suggerirei proprio Le notti bianche oppure Il giocatore: sono entrambi libri più corti e quindi dalla trattazione più rapida.. Spero ti piacciano! A presto :)

      Elimina
  5. Ciao Morwen, non ho letto questo libro, certo le tue parole convincono, lo segno e ci provo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cuore! Grazie mille, spero tanto che ti piacerà! :3 A presto!

      Elimina
  6. ho amato questo libro. grazie per avermi fatto ripercorrere certe emozioni. www.twitter.com/dariogiardi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, è un piacere suscitare belle emozioni con le mie parole.. A presto!

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari

Diventa lettore fisso
del blog.