#48 Top Five: Cinque lettori da incubo

Rubrica ideata da me, in cui stilerò un elenco di 5 elementi appartenenti all'universo libresco,
in base alla tematica della settimana.


Buongiorno lettori,
eccoci all'ultimo venerdì di ottobre, un altro mese giunto ormai agli sgoccioli!
Chi segue e conosce le mie Top Five, ha imparato a cogliere l'elevato tasso ironico con il quale compilo questi elenchi. Spesso nei miei 5 punti emergono le contrapposizioni tra lettori e non-lettori, con le quali mi diverto molto a giocare. Oggi però voglio concentrarmi sui lettori, ed in particolare su quelli che non attirano la nostra simpatia, non sia mai che ci prendessimo troppo sul serio! Nemmeno chi legge è infatti esente da critiche, ed io proverò a dimostrarvelo.




Cinque lettori da incubo






1. Lo Snob
Lo Snob legge solo determinati generi. Ciò che esula da essi è praticamente spazzatura. Puah!


2. Il Contabile
Per il Contabile il libro in sé non ha nessuna importanza. Ciò che conta è fare numero. Sai quanti libri ho letto questo mese? E sai quanti libri ho letto quest'anno? Ehm, no. Qualcuno dovrebbe ricordargli che le dimensioni [della lista dei libri letti] non sempre contano. E la quantità non per forza è sinonimo di qualità. 


3. Il Classicista
Il Classicista è una sottocategoria del lettore Snob. Legge solo ed esclusivamente classici. E fin qui, tutto bene. Il problema è il disprezzo malcelato per chiunque non faccia lo stesso.


4. Il Lettore della domenica
Il Lettore della domenica è quello che sul curriculum, nella sezione Interessi personali, parla della lettura come della sua più grande passione. Odio doverlo dire, ma leggere un libro l'anno non fa di te un lettore.


5. Il Bestsellerista
Lui è il lettore alla moda. Non c'è bestseller che non abbia letto. Si dimostra scandalizzato e sconvolto davanti a lettori che non fanno altrettanto: Come, non hai letto Il codice Da Vinci?! Proprio tu che leggi tanto, mi sembra impossibile! 
Che Dan Brown mi perdoni.





E adesso ditemi, lettori!
Quale, tra queste categorie di lettori, evitate?
Aspetto, come sempre, i vostri commenti :)



Commenti

  1. Evito e salto a piè pari le prime 3 categorie di fantomatici lettori. E credimi, trovarle in una stessa persona è un cataclisma degno di nota xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. immaginarle concentrate in una sola persona mi fa venire i brividi! hai tutta la mia solidarietà :D

      Elimina
  2. Credo che la maggior parte siano i Bestselleristi che anche se leggono un libro all'anno almeno qualcosa leggono. Ciò che mi fa salire il crimine sono i lettori che offendono determinati generi letterali perché loro leggono libri di un certo "spessore", quelli dai grandi insegnamenti sulla vita che te la cambiano in meglio al pari di libri sull'autostima (però meglio evitare di dirgliela questa cosa :P).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo con teee!!! anche per quanto mi riguarda sono la specie peggiore >.<

      Elimina
  3. Oddio, come hai ragione!! Li ho conosciuti tutti!

    RispondiElimina
  4. Tutti tipi di lettori che secondo me lettori non sono, si legge per svago, per passione, per conoscenza, senza cadere mai negli atteggiamenti che riscontro spesso anche in rete. Ci si sente superiori, si millanta di conoscere la lingua italiana alla perfezione, si misurano le persone in base al numero dei libri letti...ecco, questi sono atteggiamenti che io odio e in cui un lettore intelligente non dovrebbe mai cadere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nunzia, sono pienamente d'accordo con te...l'intelligenza non si impara, lo si è e stop.

      Elimina
    2. la pensiamo allo stesso modo! i veri amanti dei libri, del sapere, della cultura, non sentono il bisogno di farne un vanto ;)

      Elimina
  5. Io mi imbatto continuamente in tutti e 5 i prototipi!

    RispondiElimina
  6. Io mi imbatto continuamente in tutti e 5 i prototipi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se può consolarti succede anche a me, Luisa ^-^

      Elimina
  7. Gli snob e i contabili sono i peggiori...ma io dico, si può essere convinti che i libri belli siano solo quelli che piacciono a loro??? E poi credersi più lettori degli altri in base ai libri letti...Non fa per me, leggere è una passione non un lavoro! Bisogna godersela la lettura :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. stesso, identico, pensiero :) leggere è una passione talmente bella che strumentalizzarla e trasformarla in una competizione, mi sembra davvero tristissimo!

      Elimina
  8. Gli snob sono la specie peggiore....La lettura dovrebbe unire, aprire al dialogo e al confronto, e loro invece ne fanno un altro metodo di esclusione! Tristezza a palate (per loro)!!
    Un'altra categoria che temo è il lettore spoilerista , quello che non riesce a parlarti del libro che ha letto senza incappare in clamorosi spoiler che ti rovinano la lettura!! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. aaaaahhh come ho fatto a non pensarci! :O anch'io temo il lettore spoilerista!!

      Elimina
  9. Posso dire tutti?
    Tutti.
    E ... e, chi ti dice chiaro in faccia che spendere soldi per i libri è come buttarli non nella spazzatura ma nel gabinetto!!
    Io butterei loro nel gabinetto, poi tirerei lo sciacquone!!!!!!!!

    RispondiElimina
  10. Io evito accuratamente tutte e cinque le categorie " di falsi lettori". La lettura è essenziale come l'aria che respiriamo. Non si respira una sola volta la domenica, non si contano i respiri in un mese, non si respira solo aria doc. La lettura si arricchisce di ogni genere, è il nostro pane quotidiano. A volte mi ritrovo a leggere libri che nessuno conosce e pazienza se l'ultimo bestseller non fa bella mostra di sé nella mia libreria. I veri lettori vivono in un mondo fatto di libri e credetemi è un bel gran vivere :)

    RispondiElimina
  11. Eh già. Partiamo dal presupposto che chi scrive trasmette emozioni. Io vivo di quelle, le cerco in carta, Dvd, ebook, cd, pergamena, chiacchiere. Che provenga da un classico star-letto e stra-amato da da un secolo, o dal primo romanzo di uno scrittore emergente, quello che mi fa emozionare passa su quel povero blog che è diventato la raccolta delle mie migliori emozioni.
    IO LEGGO TUTTO, per piacere, curiosità, per cultura personale ...per vivere.
    potrei dire di essere d'accordo con tutte le categorie che hai elencato perché la lettura deve essere per prima cosa un piacere quindi è giusto così, che ognuno legga i libri che vuole, come e quanti ne vuole.
    Peace&love.

    Laura

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari

Diventa lettore fisso
del blog.