Recensione in anteprima: 'Mistero a Villa del Lieto Tramonto' di Minna Lindgren



TITOLO: Mistero a Villa del Lieto Tramonto
AUTORE: Minna Lindgren
EDITORE: Sonzogno
PAGINE: 288
GENERE: romanzi stranieri/giallo
PREZZO: 16,50 €
eBook: 9,99 €

Omaggio CE.
In libreria dal 2 luglio!

A Villa del Lieto Tramonto tutto sembra scorrere come ogni giorno, Irma e Siiri si godono il loro momento preferito, quello del caffè solubile accompagnato alla torta, poi una partita a canasta e un giretto sul tram per scoprire nuovi scorci della città. Ma in quella che sembrerebbe una tranquilla residenza per anziani, non tutto è come appare ad una prima occhiata. L'aiuto cuoco, un ragazzo di nome Taro, muore suicida e sempre più ospiti finiscono nel reparto di isolamento, dal quale in genere non si fa ritorno. Siiri, Irma e Anna-Liisa inizieranno a porsi delle domande, intenzionate a scoprire cosa accade realmente tra le mura di Villa del Lieto Tramonto.
Villa del Lieto Tramonto è una residenza per anziani con famiglie benestanti, situata alla periferia di Helsinki. Ogni ospite del residence vive in un piccolo appartamento, e usufruisce dei servizi della Villa, molti dei quali a pagamento.
Siiri e Irma sono due lucide e arzille ultranovantenni, amiche e alleate, occupano all'interno della Villa due bilocali attigui. Condividono piccoli piaceri quotidiani, come il momento del caffè accompagnato alla toorta (sì, toorta), o l'abitudine di viaggiare in tram per visitare angoli sconosciuti della città.
Helsinki - Finlandia
Irma è l'anima estrosa del gruppo, chiacchierona e divertente, fatica a tenere la bocca chiusa, Siiri è invece quella più sensibile, pacata e riflessiva. A questo meraviglioso duo si aggiunge anche Anna-Liisa, piglio da professoressa, indole precisa e forma impeccabile.
Eppure, fra quelle mura così familiari, qualcosa non va come dovrebbe. Il giovane e gentile aiuto cuoco, muore suicida, e la capo reparto sembra nascondere qualcosa.
Perché alcuni anziani, solo alcuni giorni prima coscienti e in salute, vengono poco dopo trasferiti nel reparto di isolamento con diagnosi di demenza?
Le nostre vecchine sono agguerrite e vogliono scoprire la verità. Ma come far valere i propri diritti a novantanni suonati? Forse Mika, un motociclista dagli occhi azzurri e dalla scarsa loquacità conosciuto ad un funerale, potrebbe aiutarle...
Terminata ieri questa lettura ho già nostalgia delle tre adorabili vecchiette, dei loro esilaranti dialoghi, della schiettezza congenita, perché superati i novant'anni tutto è lecito, meritato e concesso.
Aveva solo tentato di convincerla a cambiare alimentazione e a farle bere il caffè senza lo zucchero, ma lei gli aveva risposto che una donna di novantaquattro anni poteva mandare giù quello che voleva. Non sarebbe comunque morta.
Ho adorato il loro modo di concepire la vita e più volte durante la lettura ho pensato: "Tutti dovremmo invecchiare così, essere anziani sarebbe davvero uno spasso!". Sì, perché a Villa del Lieto Tramonto la morte non si teme! Irma, Siiri e Anna-Liisa, ne parlano con ironia, quasi meravigliandosi di sopravvivere a persone ben più giovani.
Non pensi che converrebbe anche a noi metterci a fumare? Altrimenti qui non moriamo mai. Tic tac, tic tac, tic tac.
Ma la frivolezza non è l'unico ingrediente del romanzo, perché a questa leggerezza, prodotta da un umorismo un po' dark, si alternano momenti più seri, alcuni addirittura drammatici, in cui è impossibile non soffermarsi a riflettere sulle tematiche sociali, sulla condizioni in cui versano molti anziani che, completamente abbandonati dalle famiglie, diventano facile preda di gente senza scrupoli. 
Mistero a Villa del Lieto Tramonto - Mappa
Helsinki emerge nel suo nordico splendore, le nostre nonnine si divertono a percorrerla in lungo e in largo armate di girelli e bastoni, offrendo anche al lettore uno scorcio sui monumenti della città.
Nonostante il romanzo venga etichettato come "giallo" e sebbene il mistero rimanga centrale all'interno della narrazione, non ci sarà una vera e propria indagine. Le tre protagoniste cercano di venire a capo della faccenda, ma non definirei questo libro come un giallo classico, per cui mi sentirei di consigliarlo anche ai non amanti del genere.
Una nota particolare all'attenzione con cui è stata curata l'edizione Sonzogno, che oltre a regalare a questa storia una bellissima cover, inserisce all'interno del libro anche una simpaticissima mappa, per seguire le tre protagoniste nei loro spostamenti.
Mistero a Villa del Lieto Tramonto è un romanzo ironico, divertente, con personaggi meravigliosamente costruiti, che a lettura ultimata vi lascerà una grande nostalgia per queste inarrestabili vecchine.

Nota sull'autrice
Minna Lindgren è giornalista, melomane e vive a Helsinki. Mistero a Villa del Lieto Tramonto, primo di una trilogia, è il suo romanzo d’esordio, tradotto in molti paesi tra cui Germania, Inghilterra, Francia, Stati Uniti. L’adattamento per il cinema della serie sarà firmato dal regista finlandese Neil Hardwick. 







Commenti

  1. Sembra interessante, potrebbe fare per me :)

    RispondiElimina
  2. Mi hai incuriosita molto, lo aggiungo nella lista dei desideri!!!

    RispondiElimina
  3. Ottima recensione, prendo nota :)

    RispondiElimina
  4. Sono prontissima ad invecchiare così! Aspetto di avere questo libro tra le mani, il due luglio sarò la primissima cliente a chiedere al mio affezionato Massimo questo libro!

    RispondiElimina
  5. Io che adoro i Paesi nordici un libro così non posso proprio lasciarmelo sfuggire :-)

    RispondiElimina
  6. L'ho appena recensito anch'io e mi è piaciuto molto.
    Ho apprezzato tanto il riuscire a coniugare l'aspetto divertente e i toni più drammatici.
    Le vecchiette poi sono adorabili, in particolare Irma!
    In effetti invecchiare ed essere allegri e positivi come lei non sarebbe male XD

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari

Diventa lettore fisso
del blog.