Avviso

Avviso

Recensione 'Il gioco delle tre carte' di Marco Malvaldi




TITOLO: Il gioco delle tre carte
AUTORE: Marco Malvaldi
EDITORE: Sellerio
PAGINE: 208
GENERE: giallo
PREZZO: 12,00 €
eBOOK ita: 8,49 €

 Qui la sinossi del libro.

Siamo sempre a Pineta, la bella stagione si fa attendere, e Massimo ha un nuovo incarico: quello di allestire il rinfresco per un congresso, in collaborazione con Aldo. Ma proprio durante il congresso, un professore giapponese perde la vita. E quella che all'inizio sembrava una banale caduta si rivelerà molto presto qualcosa di ben diverso. Il decesso è stato procurato e il commissario di Pineta, il dott. Fusco, si occuperà dell'indagine, avvalendosi dell'intuito e delle abilità da interprete di Massimo.
Il gioco delle tre carte è la seconda indagine svolta a Pineta. Questa volta la vittima è uno straniero, un anziano professore giapponese ucciso durante un congresso al quale Massimo prende parte in qualità di addetto al catering. I partecipanti al congresso sono duecentoventisei, in prevalenza stranieri e tutti potenzialmente colpevoli. Al dottor commissario Fusco l'incombenza di interrogarli uno ad uno. Proprio a tale scopo si renderà necessaria la presenza di un interprete e Fusco, poco ferrato nella lingua inglese, chiederà a Massimo di mettere a disposizione la sua sapienza. Il nostro barrista, come sempre, non si limiterà a quanto richiesto perché la sua mente vivace, inevitabilmente, comincerà a rimuginare, ad analizzare gli elementi a sua disposizione, a congetturare ipotesi. E chi lo aiuterà in questa nuova indagine? Ovviamente «l’asilo senile»! Ampelio, il Del Tacca, Aldo e il Rimediotti, la cui occupazione primaria è proprio il pettegolezzo d'assalto. Nel frattempo Tiziana deciderà di dare una "rinfrescata" al bar e uno dei congressisti, un professore olandese dal dubbio gusto estetico, darà manforte ai vecchietti chiacchieroni.
Tornare a Pineta è sempre piacevole, è come ritrovare vecchi amici, scambiare chiacchiere e risate in un ambiente accogliente e familiare. 
In questo secondo libro viene concesso meno spazio alle indagini e anche le ipotesi di Massimo risultano piuttosto striminzite, il delitto è meno centrale, ma del resto il giallo è solo uno degli ingredienti dei libri di Malvaldi che, avvalendosi di un linguaggio colorito, di caratterizzazioni godibili, della sua ironia spavalda, riuscirà a rendere positivo anche questo soggiorno nell'ormai noto paesino balneare.
Una lettura fresca, frizzante e piacevolissima.

Nota sull'autore
Nato a Pisa nel 1974, attualmente vive nella sua città natale.
Studente della Scuola Normale Superiore di Pisa e assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Chimica dell'Università di Pisa, ha esordito nella narrativa nel 2007 con il giallo La briscola in cinque.

La mia nota curiosa 
Pineta, la ridente cittadina toscana dove vengono ambientate le storie del BarLume, non esiste sulla carta geografica, essendo un paese immaginario, ma è idealmente collocata tra Pisa e Livorno.

Frase sottolineata
Un mago deve essere infallibile, altrimenti fa ridere o fa pena.

VALUTAZIONE
- Sorrisi  - Lacrime X - Risate  - Suspense  - Brividi X - Rabbia X




VOTO
Più che piacevole.


Profumosità
Letto in formato eBook.



Commenti

  1. Quanto mi piace Malvaldi... una fresca lettura ideale con questo caldo!

    RispondiElimina
  2. Devo proprio decidermi a leggere Malvaldi...quest'estate un posticino glielo concedo!

    RispondiElimina
  3. Anche io prima o poi devo dare un'opportunità a questo autore di cui sto leggendo solo pareri positivi! A presto Maria

    RispondiElimina

Posta un commento

Diventa lettore fisso
del blog.

Post più popolari