Recensione 'La briscola in cinque' di Marco Malvaldi


TITOLO: La briscola in cinque
AUTORE: Marco Malvaldi
EDITORE: Sellerio
PAGINE: 163
GENERE: giallo
PREZZO: 12,00 €
eBOOK ita: 6,99 €

Qui la sinossi del libro.

In un paesino sul litorale livornese viene ritrovato il cadavere di una ragazza diciannovenne, rinvenuto in un cassonetto. La polizia locale si muoverà alla ricerca del colpevole, ma all'interno del BarLume un quartetto di arzilli vecchietti è già alla caccia di indizi e prove sull'omicidio. Sarà proprio il burbero ma arguto "barrista", Massimo Viviani, a sciogliere il bandolo della matassa.
La mia domanda ricorrente nel corso della lettura è stata la seguente: perché ho aspettato così tanto prima di leggere qualcosa di questo autore? In realtà ne ho sempre sentito ben parlare ma, come spesso accade, mi ero fatta un'idea diversa...ringrazio quindi la mia Salvia, del blog Desperate Bookswife, per avermi convinto a leggere La briscola in cinque.
Lo stile di Malvaldi è spassoso e gustosissimo e così, dopo poche battute, ci ritroviamo già completamente immersi in questo paesino del litorale toscano, dove Massimo, proprietario del BarLume, trascorre le giornate nel tentativo - peraltro fallimentare - di tener testa ai quattro avventori più assidui: Aldo, il Rimediotti, il Del Tacca e suo nonno Ampelio, quattro ottantenni tutt'altro che mansueti, che animano il bar con le loro chiacchiere e le loro partite a carte. Massimo è un protagonista con una personalità attraente, è burbero ma perspicace, dispotico ma ironico. E' un tipo che si rifiuta di servire ai turisti cappuccini bollenti dopo pranzo, perché fa troppo caldo. Non ama le persone insistenti ed è molto attento ai particolari, proprio per questo, nonostante la ferma intenzione di rimanerne fuori, si troverà a collaborare con il commissario Fusco nella risoluzione del caso. Pineta è la località balneare che fa da sfondo rimanendo comunque in primo piano, le chiacchiere e le dicerie del paese sono infatti il cuore pulsante della narrazione e davanti ad un efferato delitto il bar si trasformerà nel vero commissariato, col suo via vai di informatori, testimoni e presunti colpevoli. Gran parte della piacevolezza della storia è dovuta all'uso del vernacolo livornese/pisano e al tocco comico che condisce la vicenda. Non nego di aver riso di gusto e di essere riuscita a visualizzare i protagonisti con estrema facilità, neanche fossero vecchi conoscenti. Il giallo che fa da filo conduttore ha un intreccio piuttosto semplice e tuttavia conferisce all'intera storia quella scorrevolezza che la caratterizza. Se cercate un brioso giallo italiano non posso che consigliarvi questo libro!

Nota sull'autore
Nato a Pisa nel 1974, attualmente vive nella sua città natale.
Studente della Scuola Normale Superiore di Pisa e assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Chimica dell'Università di Pisa, ha esordito nella narrativa nel 2007 con il giallo La briscola in cinque.

La mia nota curiosa 
Pineta, la ridente cittadina toscana dove vengono ambientate le storie del BarLume, non esiste sulla carta geografica, essendo un paese immaginario, ma è idealmente collocata tra Pisa e Livorno.

Frase sottolineata
"Ma la gente non può fare quello che gli pare?"
"Qui, no. In altri bar, forse. Qui, se uno chiede un cappuccino in orario canicolare, gli deve essere spiegato con ferma cortesia che pur rispettando la sua audacia non gli permettiamo di farsi del male. Se gli va bene, è così. Sennò, il cappuccino se lo fa fare al Pennone, così se muore perlomeno muore sul lungomare ed è contento."

VALUTAZIONE
- Sorrisi  - Lacrime X - Risate  - Suspense  - Brividi X - Rabbia X



VOTO
Bello.


Profumosità
Letto in formato eBook.


Commenti

  1. Ottima recensione! concordo con tutto quello che hai scritto! Malvaldi è spassoso e anche io mi chiedo perchè abbia aspettato così tanto a leggerlo! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Dany! :* ora divorerò sicuramente anche gli altri!

      Elimina
  2. Io adoro Malvaldi, fa parte di quegli autori che compro a scatola chiusa ormai! E sono molto contenta che tu l’abbia scoperto e apprezzato :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nadia, abbiamo tante preferenze in comune *-*

      Elimina
  3. Il fatto che Salvia ci stia quasi "costringendo" a leggere Malvaldi, mi fa temere che, da anziane, noi saremo proprio le vecchiette del BarLume!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehm ehm, al posto delle carte avremo i libri, per il resto...uguali!!

      Elimina
  4. Complimenti per la recensione! Non conoscevo questo scrittore ora provvederò a colmare questa lacuna. Il BarLume mi attrae :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie aquila! spero che al BarLume anche tu possa sentirti a casa! ^-^

      Elimina
  5. Stefyyyyy!!! Ma come sono felice io!! Malvaldi acchiappa, il suo stile coinvolge e sembra proprio di essere li, seduti accanto ai vecchietti. C'è anche la serie televisiva, ma io non sono mai riuscita a vederla :-( . Allora...al prossimo capitolo!! Bacioni

    RispondiElimina
  6. Devo decidermi a leggere qualcosa di Malvadi! Assolutamente! Mi hai convinto!!! Ciao Maria

    RispondiElimina
  7. Ok devo darmi una mossa e leggere questo autore!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari

Diventa lettore fisso
del blog.