#24 Top Five: Cinque validi motivi per non prestare un libro

Rubrica ideata da me in cui stilerò un elenco di 5 elementi appartenenti all'universo libresco,
in base alla tematica della settimana.

Buongiorno, lettori!
Eccoci all'appuntamento settimanale con la nostra Top Five. Oggi argomento scabroso: i libri si prestano o non si prestano? Dopo terribili esperienze accumulate nel corso degli anni, sono davvero poche le persone che hanno libero accesso alla mia libreria. Per le restanti vigono questi cinque punti!



Cinque validi motivi per non prestare un libro


1. I libri hanno un'anima
E se in un posto sconosciuto si sentissero soli? E se qualcuno li poggiasse vicino ad una finestra con gli spifferi? E se avessero voglia di tornare a casa? Una frase che mi piace molto dice: I libri si offendono quando vengono dati in prestito, per questo spesso non ritornano. E questo ci riporta al secondo punto.

2. Rischio che non ritornino
Ahimè, ho vissuto questa tragica esperienza e non la auguro a nessuno. Quando si presta un libro e dopo otto mesi non è ritornato al mittente, sappiate che con ogni probabilità non lo vedrete mai più. Non stupitevi se il sequestratore eviterà di farsi sentire assiduamente come prima del fattaccio.

3. Rischio che ritornino feriti
Anche questa è un'esperienza provata sulla mia pelle, o meglio sulla carta dei poveri libri finiti male. Sì, perché alcuni libri dopo il prestito potrebbero ritornare molto provati: orecchie, sottolineature indelebili, macchie, sono solo alcune delle torture sovente inflitte.

4. Rischio di incrinare rapporti interpersonali
Anche questo è un pericolo alquanto concreto. Quando vi presenterete alla porta di colui che da mesi custodisce il vostro amato libro e sentirete uscire dalla sua bocca frasi del tipo: "Ma sei sicuro di averlo prestato a me?" oppure "Mi spiace, credo di averlo perso" o ancora "Sono certo di avertelo già restituito", vi assicuro che in un interminabile slow-motion una spugna gigante cancellerà con fare sicuro anni di relazioni parentali/amichevoli/lavorative. 

5. Eventualità che i genitori affidatari si affezionino a lui
E adesso mettiamoci per un attimo nei panni di chi riceve il libro. Vi è mai successo di leggere una storia incredibilmente bella e di proiettare tutto il vostro amore su quel libro, custode silenzioso di emozioni uniche? Non su una copia qualunque di quel titolo, proprio su Quel libro. Quello che vi ha fatto compagnia in treno, quello che vi ha seguito pazientemente a lavoro, quello che vi ha tenuto svegli fino all'alba. Ecco, a me sì, e so bene che separarmene sarebbe impossibile. Per questo mi sembrerebbe di fare un torto nel prestare un libro bello e obbligare poi la persona a separarsene e...quanto ai libri brutti, beh, quelli non si prestano.


Morale dei cinque punti di oggi: non prestate i libri, REGALATELI!

E adesso aspetto i vostri commenti!



Commenti

  1. decisamente!!!sono d'accordissimo!!! i miei bambini non devono separarsi da me... ho prestato libri che non sono più tornati indietro....la mia copia di orgoglio e pregiudizio!!!!! e ho prestato recentemente Harry Potter alla mia nipotina e ci ha mangiato sopra e adesso ci sono le macchie di unto.....sigh...come piango.....basta prestare libri!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esatto!!! anche a me sono capitate cose del genere :( quando li custodisci con cure è proprio un dispiacere :(

      Elimina
  2. Concordo anch’io su tutto quello che dici! Fin da piccola ero legatissima ai miei libri e ricordo ancora con chiarezza quello prestato a una compagna di classe delle elementari dietro insistenza di mia madre… non è mai tornato indietro… in così tenera età sono traumi ragazze! ;-) adesso presto solo a pochissime amiche fidate… agli altri, regalo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo è un trauma bello e buono! :O fai benissimo a selezionare adesso! ;)

      Elimina
  3. Ho provato sulla mia pelle i punti 3 e 4, una sorta di causa-effetto. E' stato snervante D:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì poi dispiace...io per come sono fatta mi faccio anche mille problemi a chiederli indietro, quindi preferisco evitare, anche perché mi sembra molto più carino regalarli, sapendo di fare un pensiero gradito :)

      Elimina
  4. No ma quasi quasi convinci anche me a non prestarne più :3 Uhh come sei persuasiva ♥ Hai ragione, comunque! Io mi sa che in questo ambito sono troppo buona però XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahhaha Francy il mio problema è proprio questo! io dopo averli prestati mi sono sempre fatta mille problemi anche a chiederli indietro, idem quando me li hanno restituiti tutti rovinati >.< quindi evito...e regalo! :)

      Elimina
  5. Mi è capitato che una mia cara amica insistette tanto per prestarmi un libro a cui lei teneva tantissimo e alla fine ho accettato, tuttavia a causa di vari impegni sia da parte mia, che da parte sua mi ci è voluto un mese prima di poterglielo restituire, nonostante questo però ogni giorno le mandavo un messaggio dicendole che non me ne ero dimenticata e che il suo tesoro era in buone mani. Alla fine il libro è tornato a casa sua sano e salvo, ma è stata una cosa stressante perché era una responsabilità enorme >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anch'io evito da sempre di farmeli prestare...è strano ma non me li godo, sto in ansia di poterli rovinare e di dovermene poi separare! >.<

      Elimina
  6. come ti capisco piuttosto ne acquisto uno nuovo e lo regalo invece che prestarne miei...
    sono troppo gelosa dei miei libri sono veramente poche e fortunate persone quelle a cui li presto...un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esatto, io faccio lo stesso, che poi regalarli mi piace un sacco, è come donare un pezzetto si te :)

      Elimina
  7. Ho subìto il punto 3 una volta con un libro che nemmeno mi faceva impazzire, ma per principio mi sono arrabbiata come un toro cui sventolano una bandiera rossa davanti! Io ho cura delle cose che mi vengono prestate, ancor più cura delle mie cose, e mi aspetto che se presto qualcosa (soprattutto un libro, dato che tutti coloro che mi parlano per più di cinque minuti sanno che sono una libro-maniaca) questo mi torni indietro nelle stesse identiche condizioni.
    Quindi sono d'accordo: i libri vanno regalati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. stessa cosa successa a me...trovandomi davanti il libro ridotto in quel modo mi si strinse il cuore! T___T

      Elimina
  8. Io con i libri ho un rapporto fisico complesso. Li apro tanto da rovinare la costola, li sottolineo e, a volte, faccio loro le orecchie - anche se questo solo con i manuali -. I libri più rovinati della mia libreria sono quelli che ho amato di più. Hanno le pagine ondulate, significa che li ho letti anche nella vasca da bagno. Capita, anche se raramente, che di un libro prenda due copie proprio per questo. Soffro con i libri della biblioteca, che ci tengo a restituire così come li ho trovati (anche se a giudicare dalle condizioni in cui versano ho il sospetto che lo stesso scrupolo non venga a tutti).
    Per tutte queste ragioni non accetto mai libri in prestito, così evito i punti 3 e 4, ma anche quello 5, che un po' mi spaventa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anch'io non accetto libri in prestito anche perché, in alcuni casi, potrei faticare a separarmene *-*

      Elimina
  9. Proprio due mesi fa ho prestato un libro che non mi è ancora stato restituito!
    Ho una paura terribile che sia diventato irriconoscibile! Per di più ha la copertina bianca e so già che al ritorno sarà nera. E poi dai... come si fa a leggere un libro di sole trecento pagine in più di un mese? Chi me l'ha fatto fare? :(

    RispondiElimina

Posta un commento

Diventa lettore fisso
del blog.

Post più popolari