#12 Cinque situazioni in cui un lettore non vorrebbe mai trovarsi

Rubrica ideata da me in cui stilerò un elenco di 5 elementi appartenenti all'universo libresco,
in base alla tematica della settimana.


Buonasera lettori!
Questo venerdì è particolarmente bello, mi aspettano tre giorni di famiglia, biscotti, letture, luci di Natale, casa. E come ogni venerdì vi presento l'argomento della nostra Top Five:

Cinque situazioni in cui un lettore non vorrebbe mai trovarsi



1. Precipitarsi in libreria per acquistare un libro tanto desiderato e non trovarlo
Ahimè, non lo auguro a nessuno. Non è per niente piacevole. E' tutt'altro che piacevole. E' a dir poco odioso. Sì, perché tu avevi già pregustato la gioia di avere quel libro tra le mani, ti eri già immaginato la serata in compagnia di quel volume, qualcosa come io-libroadorato-divano, e invece no. E invece ti toccherà aspettare. E invece la commessa te lo dice come fosse una cosa normale, te lo dice sorridendo: "Terminato! Lo ordiniamo?" E tu vorresti dirle: "Non voglio ordinarlo, voglio il MIO libro, e lo voglio adesso!". Magari concludendo la frase con uno scenografico pugno sul banco. Ma poi eviti e, optando per un atteggiamento più maturo, decidi di chiuderti nel tuo incompreso dolore.

2. eReader scarico fuori casa
Altra tragedia senza rimedio. Tu sei lì nel bel mezzo della lettura e il tuo eReader decide di spegnersi. Di abbandonarti. Di precluderti ogni speranza. Io per ovviare a questa terribile evenienza porto sempre dietro anche un cartaceo, soprattutto nel caso di viaggi lunghi. 

3. In treno, o in autobus, gente che strilla mentre tu vorresti leggere
Io adoro leggere in treno. Adoro sedermi vicino al finestrino, aprire il mio libro e immergermi nelle pagine, cullata dal rumore delle rotaie. Questo è il sogno. La realtà, purtroppo, spesso è ben diversa. La realtà, purtroppo, è fatta di bambini urlanti, di genitori ancora più urlanti, di gente che strilla al telefono come se l'apparecchio non ci fosse e la voce dovesse attraversare le pareti del treno, città, tempo e spazio, per giungere al destinatario. E dopo soli tre minuti il tuo sogno idilliaco è infranto, cerchi gli auricolari in borsa e ti rassegni alla brutale realtà.

4. In libreria imbattersi in personale incompetente
Spero che a voi non sia mai capitato, a me purtroppo succede spesso e ogni volta, per empatia, vorrei sprofondare per la vergogna. Sì, perché quando chiedi ad una commessa 'Orgoglio e pregiudizio' della Austen, lei si mette al pc, digita, poi ti guarda e dice: 'Oh, ma questa autrice non mi risulta! Ma Austen con la O vero?', quando accade questo tu non puoi semplicemente fare uno spelling, non puoi. A me ad esempio in questi casi capita di voler sparire.

5. Incontri con non-lettori che disprezzano i libri
Premetto che io non ho niente contro i non-lettori, ne ho persino sposato uno.
Quelli che proprio non sopporto sono i non-lettori che in quanto tali si sentono in dovere di esprimere il loro parere divergente che nella maggior parte dei casi riguarda quanto-sia-noioso-leggere. "Ma che noia leggere, ma guarda il film, e sempre con la testa sui libri, molto meglio andare in palestra...". Ecco, quando in una serata spensierata si materializza un soggetto del genere le parole non bastano, servirebbero i fatti. E dove cercare i fatti se non in un bel libro? Un libro bello grosso, e con un colpo ben assestato.

E adesso ditemi la vostra, lettori!
Vi ritrovate in queste situazioni? Ce ne sono altre che avete voglia di condividere?

Commenti

  1. Bellissima rubrica!
    Concordo su tutto **
    Soprattutto sulla prima!E' orribile andare in libreria,per comprare il libro che avevi atteso per anni e non trovarlo -_- Mi fa impazzire.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Nella quinta c'è la Stefy che mi piace.Già ti immagino con quel grosso libro in mano...grondante sangue ,e un sorriso malefico sulle labbra.Alle tue spalle ,a terra in una pozza di sangue,il cadavere di quello che un attimo prima ti diceva: "guarda il film no!fai prima è non ti an..SBAMM!!!!.....Scherzo dai,forse ho esagerato,togliamo il sangue e ci mettiamo solo il corpo esanime del non lettore con un grossissimo bernoccolo in testa :D

    RispondiElimina
  4. Ciao, ho scoperto il tuo blog grazie a quello di La Libridinosa! Mi ci ritrovo tutta in questo bel post, a parte il punto 2 perchè non ho l'e-reader :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccola qui, La Libridinosa in tutto il suo splendore! Oddio, splendore magari no, ma allegria sicuramente sì! Stefy concordo su tutto, soprattutto il secondo punto =D e il quinto...che ridere!

      Elimina
    2. benvenuta, Michela! ^-^ grazie, spero che questo posticino ti piaccia *-*

      Elimina
    3. ahhahah Laura, immaginavo che ci saremmo trovate su parecchi punti :D

      Elimina
  5. Pensa che quando sono andata alla Feltrinelli per ordinare Villette della Bronte (che era uscita già da una settimana) una tipa mi ha risposto addirittura che sarebbe uscito dopo due mesi!!!Eh??!!! O.o
    Personale incompetente!!! >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. >.< che poi anche se non lo fai per passione, è comunque il tuo lavoro, documentati un minimo! -____-'

      Elimina
  6. La mancanza sempre piu frequente di professionalità, competenza, di sorriso e a volte anche del saluto è da attribuire alla crisi che mette le persone a lavorare in posti che non si addicono loro? Ai datori che sfruttano e sottopagano? Alla perdita di valori?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non so, Laura. Per me quella del 'libraio' dovrebbe essere una vocazione, non può essere considerato un commercio come un altro :(

      Elimina
  7. Per la 1+4., racconto un aneddoto...

    Io: "Avete Il gioco del mondo?"
    Libraio: "Ma cos'è, un libro?"
    Io: "No, un gioco in scatola -.-. Arrivederci."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paolaaa :O ahahha mi hai fatto ridere, ma capisco il tuo sgomento di fronte ad una domanda del genere! più o meno pari al mio davanti ad Austen con la O!

      Elimina
  8. I momenti più insopportabili sono l'uno e il cinque! Soprattutto il cinque D:
    Insomma, mica io vengo da te a dire "Certo che i film che ti guardi e che ami moltissimo sono davvero noiosi, senza senso, e poi sono tutti uguali alla fin fine" u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esatto, Patty! che ognuno abbia le sue legittime passioni, ma non venirmi a dire certe cose! >.<

      Elimina
  9. Ciao Stefy! Ah ah ah questa volta mi hai fatta davvero divertire. Stupenda rubrica. Un bel tomone pesante sulla testa di non lettori arroganti ci sta!! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhaha salvia, sapevo che saresti stata dalla mia parte! :D

      Elimina
  10. Pienamente d'accordo Stefy. Un'altra cosa davvero brutta che mi è capitata andando in giro con il mio camper, è quella di approdare in luoghi senza nemmeno l'ombra di una libreria, o di ricordare che ce ne fosse una in un punto preciso e di trovarci invece un tabacchino.......che tristezza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero Francy! :O è bruttissimo non avere librerie a portata di mano!

      Elimina
  11. Tra quelle peggiori direi il personale incompetente! Una volta mi è capitato di ordinare un libro, aspettare un mese, per poi rendermi conto che avevano ordinato il libro sbagliato (nonostante avessi lasciato anche un bigliettino con il titolo). E ovviamente poi attendere un altro mese per avere quello giusto! >-<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mamma mia, mi è venuto il nervoso solo a leggere! ma come si fa?! >.<

      Elimina
  12. Ahaha Stefy, concordo su tutti i punti tranne il terzo, visto che ho la capacità di estraniarmi totalmente dal resto del mondo e non ci sono schiamazzi che tengano! Il rovescio della medaglia è che magari mi dimentico anche di scendere alla fermata giusta eheheh!
    Un'altra cosa che non auguro a nessuno è iniziare un libro e non poterlo finire per cause di forza maggiore: smarrimento, furto, restituzione al proprietario etc... A me è capitato con Fiesta! di Hemingway: me lo aveva prestato la mia coinquilina; a una cinquantina di pagine dal finale viene a trovarla la sorella (legittima proprietaria del libro) che, ignara che lo stessi leggendo io, se lo è riportato al paesello!! Non ti dico come ci rimasi male quando non lo trovai più in salotto :(
    E ancora non l'ho finito di leggere, che disdetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io potrei davvero impazzire se mi soffiassero sotto il naso la lettura del momento :O ho provato uno smarrimento simile una volta che arrivata a metà libro mi sono accorta che, invece di continuare, le pagine si ripetevano! T_____T per fortuna sono corsa in libreria e me l'hanno sostituito! fiuuuuu xD

      Elimina
  13. concordo pienamente e aggiungerei anche i lettori che "snobbano" le tue letture

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo anch'io, Chiara! i lettori con la puzza sotto il naso sono proprio odiosi >.<

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari

Diventa lettore fisso
del blog.