#10 Cinque motivi per cui un film non potrà mai competere con un libro

Rubrica ideata da me in cui stilerò un elenco di 5 elementi appartenenti all'universo libresco,
in base alla tematica della settimana.



Siete pronti per scoprire cosa ci riserva questa settimana la Top Five?
Che i cinefili non me ne vogliano, ma un libro è un libro.

Cinque motivi per cui un film non potrà mai competere con un libro


1. La realtà non può competere con la fantasia
Motivo per cui i personaggi su cui tanto ti sei trovato a fantasticare, che hai immaginato fin nel minimo dettaglio, di cui conosci espressioni e gestualità, non potranno mai rivelarsi all'altezza di nessun attore. In particolare di quelli affetti da mono-espressività che tanto vanno di moda. 

2. I film sono spesso soggetti a tagli
I tempi cinematografici sono molto diversi da quelli letterari, quindi si sa, passando dalla carta allo schermo è necessario effettuare dei tagli. Peccato che le pagine sacrificate siano sempre le tue preferite. Peccato che senza quelle scene la trama verrà mortificata. Peccato che ti troverai ad imprecare a fine proiezione. Pazienza, è il cinema. 

3. Nei film sparisce lo stile dell'autore
Passando dal libro al film purtroppo si va a perdere lo stile dell'autore, l'impronta che lo scrittore aveva deciso di dare a quella storia, l'accento che aveva deciso di porre su alcune vicende rispetto ad altre, la sensibilità con cui aveva affrontato determinate tematiche, l'ironia che permeava le pagine più esilaranti. 

4. Emotività dei personaggi appiattita
Nel momento stesso in cui ci tuffiamo in una storia, in cui ci leghiamo al protagonista di un libro, le sue emozioni diventano le nostre, si fondono in maniera indissolubile, consentendoci di provare le sue paure, esultare per le sue gioie, indignarci per le ingiustizie subite. Lo stesso non si può dire dei film, dove raramente la psicologia dei personaggi viene descritta in maniera esaustiva, dove molti pensieri rimangono inespressi e le sfumature emotive sono solo intuibili o del tutto inesistenti.

5. Modifiche inopportune della trama
Perché alcuni registi non si accontentano di effettuare tagli nella trama, no. Devono rendere la storia più scenica, più d'effetto, adattarla al grande schermo. E quindi decideranno a loro piacimento di introdurre nuovi personaggi, di ucciderli, di sostituire il lieto fine con qualcosa di più accattivante. Ah, tu ti sei fiondato al cinema credendo che questo film fosse tratto dal libro che tanto hai amato? No, mi spiace, è solo LIBERAMENTE ispirato, dove liberamente significa che ti hanno fregato 8€.


E voi cosa ne pensate? Credete che i film siano all'altezza dei libri?

Commenti

  1. Mi piace moltissimo andare al cinema e sopratutto vedere film tratti dai libri. Purtroppo però sono d'accordo con su alcune cose, andando a ritroso nei tuoi 5 punti, il cambio della trama è una cosa che proprio non mi va giù. Capisco che non si può riportare tutto il libro, sennò verrebbe fuori un film di 12 ore ma neanche stravolgere gli avvenimenti. E poi nella mia mente si era già creato tutto un mondo, che mi spinge a vedere il film, ma che la maggior parte delle volte non è mai come me l'ero immaginato.
    Devo dire però che alcuni film sono fatti bene e catturano l'essenza del libro. E sono quelli che poi mi riguardo 200 volte per fangirlare ancora un po' ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anch'io adoro andare al cinema *-* ma i film tratti dai libri troppo spesso mi fanno soffrire, perché raramente il regista riesce a coglierne l'essenza :( concordo con te sul fatto che quando accade è un piccolo miracolo e anch'io li guardo e li riguardo :D

      Elimina
  2. Anch'io sono d'accordo con te ed anch'io amo andare al cinema *--* purtroppo però hai ragionissima ^^ credo che l'emotività di un personaggio si riesca a riportare soltanto grazie ad un attore veramente capace :P

    RispondiElimina
  3. Io non ci riesco. Non mi piace particolarmente andare al cinema né guardare film, sopratutto se so che sono tratti da libri.. E' più forte di me, finisco sempre con il non apprezzarli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non resisto alla tentazione di vedere come altre persone hanno immaginato personaggi che io ho amato...ma spesso mi scontro con la dura realtà! >.<

      Elimina
  4. Secondo me un solo film non è mai in grado di riportare la complessità di un grande romanzo: sono perciò convinta che una serie tv potrebbe trovarmi più soddisfatta come trasposizione! Ricordo ancora con ribrezzo il film de La casa degli spiriti in cui, ancora mi chiedo il perché, tagliarono una generazione e attribuirono al personaggio di Winona Rider sia i suoi fatti che quelli della figlia! WTF?!?!?! Fu un vero trauma!

    RispondiElimina
  5. Non mi dispiace guardare un film dopo averne letto il romanzo, è vero a volte la delusione è cocente, (l'esempio de "La casa degli spiriti" è calzante) altre volte è bello poter intervenire con commenti critici positivi. Io ho adorato i film di Don Camillo, così come ho adorato i romanzi di Guareschi anche se alcuni episodi, tra cui quello del cane Full,(uno dei miei preferiti) sono stati tagliati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io credo che quando si riesce a cogliere l'essenza di un libro, anche i tagli finiscono in secondo piano...tuttavia è proprio quella la parte più difficile!

      Elimina
  6. Ma quanto hai ragione?? Io amo leggere ma amo anche il cinema. Sono una testona, pur sapendo che il film non sarà all'altezza del libro, lo devo guardare a tutti i costi. :-)

    RispondiElimina
  7. Penso che tutti i lettori sappiano bene che il libro è un certo tipo di prodotto, il film invece un altro. Da lettrice, so che cosa posso aspettarmi da un film tratto da un libro, so che non sarà mai la stessa cosa e tu hai bene riassunto i perché.
    Non mi sento di farne una colpa al povero regista perché lui non deve fare un film per chi ha letto il libro, deve fare un film per il grande pubblico. Non mi va giù quando un lettore lamenta il fatto che il regista "ha rovinato un libro bellissimo", perché non possono essere messi sullo stesso piano. Sarebbe come voler paragonare un arancia con uno shuttle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me alcuni registi, nonostante i tagli e le modifiche, riescono a cogliere l'essenza del libro, a riprodurre le emozioni scaturite dalla lettura, altri invece snaturano completamente l'opera, banalizzandola o stravolgendola completamente...in tal caso non mi consola pensare che si tratta di prodotti diversi :( però le volte in cui accade il contrario apprezzo tantissimo ^-^

      Elimina
  8. La cosa peggiore è che mentre le parole dei libri mi toccano il cuore, i film non mi suggeriscono nessuna emozione!

    RispondiElimina

Posta un commento

Diventa lettore fisso
del blog.

Post più popolari