#6 Cinque cose che i non-lettori dovrebbero sapere


Eccoci, come ogni venerdì all'appuntamento con la nostra Top Five. Cosa ci riserverà questa settimana?
Scopriamolo subito!

Cinque cose che i non-lettori dovrebbero sapere

1. Non amiamo essere interrotti mentre leggiamo
Niente di personale, ma la lettura è un momento sacro. Vi piacerebbe essere svegliati in modo brusco nel bel mezzo di un sogno meraviglioso? Molto probabilmente no. Sappiate che un lettore nel momento stesso in cui si immerge nella lettura varca la soglia di un altro mondo. A voi sembrerà di vederlo seduto in poltrona, ma vi assicuro che è solo un'illusione. Potrebbe essere in un altro continente o addirittura su un altro pianeta, quel che è certo è che non si trova lì. Non c'è. Ripetetelo come un mantra quando la tentazione di disturbarlo vi assale. Non c'è. Non c'è. Non c'è.

2. Amiamo ricevere buoni-libro
Qualunque ricorrenza è quella giusta per ricevere un libro! Meglio ancora se si tratta di un buono, una gift card, o comunque vogliate chiamarlo. E non per essere antipatici, ma spesso i non-lettori non conoscono fino in fondo i nostri gusti per cui...perché complicarsi la vita? Meglio non rischiare. Quel rettangolino ci riempirà di gioia e voi vi trasformerete in un super-eroe per un giorno!

3.  Amiamo trascorrere i pomeriggi in libreria
Le librerie sono per noi una sorta di regno incantato in cui il tempo si ferma, le pareti si volatilizzano, le persone spariscono, la vita diventa all'improvviso bellissima e niente può scalfire il sorriso che ci portiamo stampato in faccia. Se vuoi esserci amico è necessario che tu sappia questo. Se ci vedi tristi, se qualcosa è andato storto o se cerchi semplicemente un modo per dimostrare il tuo amore: portaci in libreria. Dal momento in cui varcheremo la soglia non guardare più l'orologio. Nemmeno distrattamente, ce ne accorgiamo lo stesso. Non farci notare che si è fatto buio. Non parlare di impegni o appuntamenti. 
Semplice, no?

4. Dove c'è un lettore, ci sono [tanti] libri
Se sei un non-lettore e hai intenzione di vivere con noi sappi che necessitiamo di molto spazio. Non saranno i vestiti ad occupare interi armadi o decine di scarpe a monopolizzare centimetri preziosi del nostro appartamento. No, saranno le nostre creature di carta a pretendere un posto decoroso all'interno della nostra casa. Di conseguenza avremo bisogno di librerie, mensole, e mobili dove riporli. E qualcuno che si occupi di montarli. E questi si moltiplicheranno nel tempo. Uomo avvisato.

5. Soffriamo di sbalzi d'umore
E' necessario che un non-lettore lo sappia. Ci saranno giorni in cui non avremo molta voglia di parlare, e pomeriggi in cui ci troverai a piangere con la testa immersa tra le pagine. Giornate in cui rideremo da soli senza riuscire a smettere e altre in cui ci vedrai lanciare un libro contro il muro. Tutto normale, o quasi. Perché i lettori di normale hanno ben poco. Ci dicono che siamo strani, io preferisco straordinari

C'è altro che vorreste dire ai non-lettori? Sbizzarritevi! :)



Commenti

  1. Concordo assolutamente!! detesto essere interrotta mentre leggo ._. e odio il fatto che qualcuno mi parli mentre leggo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. idem! tra l'altro spesso sono così assorta che non me ne accorgo neppure e l'interlocutore invece di desistere continua ad alzare il tono della voce...non capiranno mai! >.<

      Elimina
  2. Mi associo a Stefy e aggiungere: non-lettori tenete basso il volume del televisore o meglio spegnetelo proprio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un applauso per Cuore! condivido in pieno :D

      Elimina
  3. Tutte cose giustissime v.v. Aggiungerei anche che noi lettori amiamo il silenzio più totale!! Aspirapolvere, tagliaerba, motosega, le urla delle vicine isteriche... BASTA non se ne può piùùù!!! Mi da tremendamente fastidio perché non riesco a immergermi completamente nella lettura.
    Ora vado a dire a quella scimmia del mio vicino di abbassare lo stereo altrimenti se ne pentirà ;) Mhuaua :D
    Un bacione:)xx

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nicky se hai bisogno di una mano per far capire il concetto al tuo vicino, chiamami pure! un bacio ;D

      Elimina
  4. finalmente ho capito perchè ogni tanto mi metto a ridere da solo o a urlare senza motivo,non sono pazzo ma semplicemente un lettore :) .La prima regola dovrei farla leggere qui in famiglia.Non mi chiamano mai,non mi cercano mai poi quando mi metto a leggere tutti mi vogliono e tutti mi cercano :)Diamine!!! non vedete che sto leggendo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. confermo che non sei pazzo, anche se agli occhi dei non-lettori forse un po' lo siamo >.<

      Elimina
  5. Ahah mi sembra di non dover aggiungere altro, concordo in toto con te, soprattutto per il punto 1 e il 3!! La libreria non ha una porta, ma un portale che ci trasporta in uno spazio-tempo totalmente differente!! ^_^

    RispondiElimina
  6. Siiii *-* aspettavo questo appuntamente, anche questa volta concordo in pieno con te, soprattutto sui primi 4 punti!!!Assolutamente straordinari siamo.... ^^

    RispondiElimina
  7. Concordo assolutamente con il 3 e il 4!
    La libreria è un luogo sacro, ci passerei le giornate e le nottate se non dovessi pensare a quisquilie come l'orario di chiusura o la mancanza di sonno xD
    Qualcosa da dire ai non-lettori? Be', intanto gli consiglierei un libro. Se dipendesse da me tutto il mondo leggerebbe di più xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahha hai ragione, consigliare un libro è la cosa migliore che gli si possa dire! :D

      Elimina
  8. Dovrebbero saperlo anche le non lettrici! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo! :D ho evitato di specificare il genere proprio perché sono regole universalmente valide, uomo o donna non fa alcuna differenza :)

      Elimina

Posta un commento

Diventa lettore fisso
del blog.

Post più popolari