Recensione 'Io che amo solo te' di Luca Bianchini

TITOLO: Io che amo solo te
AUTORE: Luca Bianchini
EDITORE: Mondadori
PAGINE: 262
GENERE: letteratura italiana
PREZZO: 16.00 €
eBOOK ita: 6.99 €

Io che amo solo te è stata per me una lettura inaspettata e deliziosa, che mi ha fatto letteralmente innamorare dei suoi personaggi e mi ha legato indissolubilmente all'autore, Luca Bianchini.
Si tratta di un libro che ho più volte consigliato su Cose da lettori  e non posso non recensire anche qui.
E' la storia di un matrimonio, di due famiglie, di amori diversi, di un paese che non si limita a fare da cornice. Il matrimonio è quello tra Damiano, figlio del ricco e rispettato 're delle patate' di Polignano a Mare, e Chiara, figlia di Ninella, vedova forte, indipendente e sensuale.
L'amore che fa da filo conduttore della storia tuttavia non è quello che unisce i futuri sposi ma quello tra i loro genitori, Don Mimì e Ninella, un amore all'epoca ostacolato dalla famiglia di lui, che riuscì a dividerli ma non a sopire i loro sentimenti, ora soffocati dai ruoli e dalle circostanze. All'ombra di questo amore senza tempo ne maturano degli altri: amori proibiti, incerti, sbagliati, passeggeri, che coinvolgono i membri delle due famiglie, Scagliusi e Casarano.
Il contesto è parte integrante del romanzo che ci guida tra le viuzze di Polignano, tra pettegolezzi sussurrati dietro le imposte, sorrisi di circostanza e pregiudizi radicati...e poi l'odore del mare, del caffè di Ninella, delle polpette della 'First Lady', moglie scontrosa e infelice di Don Mimì. I preparativi del matrimonio diventano quindi un evento comunitario di cui l'intero paese si sente partecipe e nel quale emergono tutti i tratti tipici di una certa mentalità del sud. E allora la cerimonia dovrà essere indimenticabile, lasciare a bocca aperta gli invitati e niente sarà lasciato al caso: dal servizio fotografico e video con tanto di "slow motion" e dissolvenze, al bouquet rigorosamente semicascante, al trucco della sposa affidato a Pascal, celebre truccatore di Bari, alle bomboniere con le iniziali degli sposi in rilievo, a un menù con decine di portate ad effetto. 
E' un romanzo vero, con protagonisti tutt'altro che perfetti ma che proprio in quanto tali attirano la simpatia e l'empatia del lettore.
Da un punto di vista stilistico l'autore usa un linguaggio semplice e scorrevole, arricchito da espressioni dialettali che rendono i personaggi ancora più realistici. Un libro che si fa leggere, un invito al matrimonio Scagliusi/Casarano, che vi strapperà tanti sorrisi ma anche attimi emotivamente più intensi. Consigliatissimo.


La mia nota curiosa:
Finito il libro, voltata l'ultima pagina, sperimenterete un'intensa e opprimente nostalgia dei personaggi, persino della signora Labbate. Correte in libreria e acquistate La cena di Natale, anche se siamo in agosto. Ritroverete tutti i protagonisti del primo libro e potrete godere di una nuova giornata in loro compagnia.

Frase sottolineata:
Mimì si fece coraggio e, senza neanche guardare sua moglie, si alzò dal tavolo e si avvicinò a quello di Ninella. Lei vide la vita che voleva venire a passi lenti verso di sé”.
VALUTAZIONE

- Sorrisi  
- Lacrime   
- Risate 
- Suspense 
- Brividi 
- Rabbia  

VOTO:
    
Profumosità:

*La scala dei voti va da 1 a 5*

Commenti

  1. Un libro che ci ha legate a doppio filo, che ci fa ridere ancora adesso, ad un anno di distanza, che spesso sento come qualcosa di "solo nostro"! Ti voglio bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. resterà sempre il 'nostro' libro! tanto tanto bene <3

      Elimina
  2. Ho letto questo libro grazie ai consigli di Laura, credo di essergli sempre passata davanti ma non l'ho degnato di uno sguardo. Grazie per questo consiglio.
    La tua recensione è fantastica, come sempre :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazieee :* è vero, ci sono libri che incrociamo mille volte ma che poi leggiamo solo quando arriva 'il momento giusto ' ♡

      Elimina
  3. credo che comprerò la versione tascabilissima con tutti e due i libri insieme... mi incuriosiscono molto, i libri e questo nuovo formato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne vale la pena, Federica! Anche perché finito il primo vorrai subito leggere il secondo :)

      Elimina

Posta un commento

Diventa lettore fisso
del blog.

Post più popolari