Nel linguaggio segreto dei fiori

Rubrica in cui lascerò la penna libera di raccontare.


Il racconto di oggi è ispirato a Il linguaggio segreto dei fiori di Vanessa Diffenbaugh.



La nebbia che avvolge San Francisco d'estate è un fenomeno quasi magico. La vita che scorre in mezzo alle nuvole, l'aria tiepida che si confonde con la pioggia, il tramonto che scolora nella baia. Il mondo è indefinito, le strade perdono i contorni, ci si concentra sui pochi dettagli visibili e sui profumi. Quella sera di metà agosto fu proprio un profumo a catturare la mia attenzione. Profumo di fiori. Profumo di iris. Mi voltai quasi istintivamente lasciandomi guidare dal mio olfatto e un'insegna che non avevo mai notato prima catturò il mio sguardo: Messaggi. Decisi che avevo tutto il tempo per una deviazione prima di rientrare a casa.
Entrai e capii di trovarmi in un negozio di fiori. Ma non un negozio come gli altri. C'erano fiori e piante che non avevo mai visto prima e su un ripiano in fondo alla stanza bouquet e composizioni già pronte corredate da biglietti multicolore. Ogni vaso in cui erano riposti i fiori era corredato da un nastro e da un biglietto su cui era specificato il nome della pianta. In un angolo vicino all'entrata un contenitore di vetro conteneva altri biglietti, in cima una fessura e un'incisione: "Puoi dirlo. Fallo con un fiore."
Rapita da quell'atmosfera intrisa di profumi e possibilità, sussultai notando dietro il banco di vetro una bambina intenta a sigillare un mazzetto con un nastro. Anche lei, assorta nel suo compito, sembrò accorgersi di me solo in quel momento: "Ciao, ti servono dei fiori?". La domanda mi colse alla sprovvista: "Ehm, no. Cioè sì. Pensavo a chi comprarli". La bimba posò il mazzetto, scostò un ricciolo biondo dalla fronte e sorrise: "Comprali per te, no?". Quell'affermazione nella sua semplicità disarmante mi spiazzò. Quand'era l'ultima volta che avevo comprato qualcosa per me? Quand'era l'ultima volta che mi ero dedicata del tempo, un'attenzione, un pensiero? Non avrei saputo dirlo. La voce dolce e limpida della bimba mi riscosse dai pensieri: "Aspetta, chiamo la mia mamma. Lei è bravissima con i fiori!". E così dicendo sparì dietro una tenda cremisi. Dopo pochi secondi tornò accompagnata da una ragazza che le somigliava molto, aveva uno sguardo profondo e l'aria stanca ma felice. "Posso aiutarla? Hazel mi stava appunto dicendo che vorrebbe acquistare dei fiori per lei". "Io...non saprei, non sono molto pratica di fiori. E' che passavo di qui, ho pensato che sarebbe carino qualche volta pensare a me...è stata gentile la sua bimba". Ero imbarazzata e non sapevo cosa dire. La ragazza strinse gli occhi come se stesse riflettendo. "Ho quello che fa per te!". Si allontanò e con gesti sinuosi e aggraziati cominciò a comporre un bouquet. Sembrava danzare tra i fiori guidata da note che solo lei poteva udire. Poi con un sorriso che si allargava piano si rivolse a me:
"Speronella fior-cappuccio: leggerezza, pisello odoroso: delicati piaceri, rosa balsamina: semplicità. Questi sono adatti a te, ti ricorderanno quanto sia bello ogni tanto fermarsi e pensare solo a se stessi".
La ringraziai, pagai e salutai Hazel che ricambiò il saluto sorridendomi. Promisi di tornare a trovarle.
Uscita in strada mi soffermai un minuto in più davanti alla vetrina e vidi la bimba che con gli occhioni luccicanti consegnava alla mamma il piccolo bouquet confezionato poco prima. La ragazza mi era di spalle, si chinò e la strinse forte. Un abbraccio che voleva dire tante cose, proprio come i suoi fiori.

Commenti

  1. Mi era piaciuto questo libro, bella era anche l'idea delle copertine personalizzate e tu me lo hai fatto propio vivere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma grazie! :) anch'io ho trovato originale l'idea delle copertine differenti, avendolo ricevuto in regalo ho scoperto questa particolarità proprio mentre lo leggevo...

      Elimina
  2. un libro interessante :)

    RispondiElimina
  3. letto durante le pause di una bella vacanza...mi hai fatto ricordare un piacevolissimo intervallo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. felicissima di aver sortito questo effetto ^-^

      Elimina
  4. Non lo conoscevo, ma ti ringrazio tantissimo per avermelo fatto scoprire. Ho letto la recensione e sembra bellissimo. Lo devo avere assolutamente!! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. te lo consiglio! una storia davvero delicata e toccante :)

      Elimina

Posta un commento

Diventa lettore fisso
del blog.

Post più popolari