Piccole gioie da lettrice: pomeriggio in libreria

"C'erano quelli che leggevano e poi c'erano gli altri. Ci si accorgeva subito se uno era un lettore oppure no. Tra gli esseri umani non c'è differenza più grande." 

Pascal Mercier

Noi lettori abbiamo dei momenti di gioia tutti nostri, che spesso chi non ama leggere, chi non si lascia pervadere dall'intensità della parola scritta, non può comprendere.
In questa sezione vorrei immortalare le piccole cose che mi rendono felice, e che forse non avrei saputo apprezzare se non avessi amato leggere.



Lo ammetto, questa rientra senz'altro tra le piccole, grandi, gioie da lettrice.
Il fine settimana scorso mi sono concessa una pausa romana e la prima tappa del soggiorno sapete qual è stata? Colosseo? Piazza Navona? Fontana di Trevi? Siete fuori strada! La Feltrinelli di Piazza Colonna ovviamente! Io adoro quella libreria, quattro livelli di paradiso libresco in una cornice storica bella da mozzare il fiato.
Mi ci sono letteralmente persa, con la preziosa collaborazione del mio accompagnatore (il mio maritino) che, nel rispetto delle mie attitudini da topo-da-biblioteca, è stato così gentile da eclissarsi nel reparto fumetti consentendomi una libera esplorazione visiva, tattile e olfattiva di tutti quei meravigliosi volumi, senza vincoli di tempo. Solo a ripensarci mi commuovo. Bene, dopo quasi due ore di full immersion sono tornata in superficie con tre libri. Uscire dalla libreria con la busta pesante, fermarsi su una panchina a dare una sbirciatina al contenuto del sacchetto,  pregustare l'ordine delle letture, sono piaceri indescrivibili. Ma come fanno i non-lettori?

Commenti

  1. Hai ragione...come fanno i non-lettori??!!!! *-*

    RispondiElimina
  2. Che bello vedere altre persone che conoscono le città per le librerie prima che per tutto il resto XDD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono in assoluto la prima cosa a cui penso quando si programma un viaggio o una vacanza!

      Elimina
  3. Dunque, tutti e tre gli autori/autrici mi piacciono un sacco, direi che per i miei gusti hai comprato davvero bene!! Anche io faccio così: compro e poi scanuccio il contenuto della borsa di carta in qualsiasi posto, una panchina, sul sedile dell'auto, sull'autobus, li metto in ordine, li tocco , li sniffo, leggo la quarta e poi li sfoglio. Solo dopo un'attenta analisi mi sento soddisfatta. (fino a quando non arrivo a casa e trovo loro un posto sullo scaffale ;-) )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anch'io!!! è come se il sacchetto contenesse un tesoro di cui gli altri ignorano il valore :) ho iniziato ieri quello di Barreau e mi sta già piacendo ;)

      Elimina
  4. Non so proprio come fanno! So che adoro essere una compratrice compulsiva di libri... Niente mi da la stessa soddisfazione! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. idem! impossibile per noi comprendere il significato di una vita senza libri! :)

      Elimina
  5. Me lo chiedo spesso anche io, ma come si dice "il mondo è bello perchè è vario" c'è chi preferisce lo sport, chi la musica, chi la cucina, chi qualcosa di meno nobile come lo shopping compulsivo, le nomination alcoliche su facebook, ecc. ecc. W LA LETTURA! P.S. Bellissimo il titolo del tuo blog

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo! in molti probabilmente si faranno la domanda inversa: ma come fanno i lettori? in ogni caso noi ci teniamo stretti i nostri libri :) grazie mille per il titolo!

      Elimina
  6. "Tra esseri umani non c'è differenza più grande"
    Ah, quanto è vero! <3
    La fatidica domanda "come fanno quelli che non leggono?" me la faccio anche io, come riempiono le giornate? Io se non leggo spesso mi annoio. Non riesco proprio a non leggere!
    Comunque complimenti per gli acquisti! Una sera a Parigi è bellissimo! ^^
    Ciao...piacere, Elisa^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^-^ Benvenuta nel mio angolino libresco, Elisa! Penso proprio che i non-lettori non li capiremo mai! :)

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari

Diventa lettore fisso
del blog.